Covid Veneto, altri 107 morti. Zaia: "Siamo nella parte alta della curva"

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

Sono 2.535 i nuovi contagi da coronavirus in Veneto resi noti oggi dal governatore Luca Zaia, che ha presentato i dati aggiornati del bollettino. Da ieri sono stati registrati altri 107 morti, il record di questa seconda ondata. In Veneto ad oggi sono stati fatti 2 milioni e 805mila tamponi molecolari, 13.835 nelle ultime 24 ore, i pazienti ricoverati nei reparti non critici degli ospedali sono 2.706 (+98 nelle ultime 24 ore), mentre in terapia intensiva sono ricoverati 330 (-9 da ieri), i morti in totale sono 3.818 dal 21 febbraio ad oggi.

"Siamo nella fase alta della curva Covid, speriamo non riparta verso l'alto e invece scenda, per quanto ad oggi non lo sappiamo cosa accadrà - ha spiegato il presidente del Veneto nel corso del punto stampa - Abbiamo un terzo dei positivi rispetto a marzo, su tamponi fatti, e abbiamo però più ricoverati di marzo: il virus è meno presente di marzo ma il contagio è maggiore, questo significa che il distanziamento fra cittadini è più blando".

"L'incidenza è paurosa oggi e gli assembramenti sono il vero veicolo del virus - ha sottolineato ancora Zaia - Dobbiamo aspettare misure restrittive o cambio di fascia per veder diminuire le curve del contagio? Spero proprio di no", ha auspicato il governatore.