Crampi da impianto o da ciclo: come distinguerli

Crampi da impianto o ciclo
Crampi da impianto o ciclo

Crampi da impianto o da ciclo? Se state cercando di rimanere incinta e state sperimentando i normali segni delle mestruazioni, come crampi, gonfiore e nausea, non scoraggiatevi. Potreste essere ancora incinte! I crampi da impianto e le macchie da impianto si verificano nel 15-25% delle donne e potrebbero essere segni precoci di gravidanza.

Come si fa a capire la differenza tra crampi da impianto e crampi mestruali e, se si è incinta, quando è necessario rivolgersi a un medico? Siamo qui per guidarvi, ma assicuratevi di contattare il vostro medico per un consiglio professionale.

Crampi da impianto o da ciclo: cosa sono i crampi da impianto

Innanzitutto, spieghiamo cosa sono i crampi da impianto. Il termine “crampi da impianto” è un termine improprio. L’impianto di un ovulo fecondato nell’utero non può essere fisicamente percepito. I crampi da impianto si riferiscono alla sensazione di crampi che una donna può avvertire durante le prime fasi della gravidanza. Questi crampi si verificano in genere da dieci a quattordici giorni dopo il concepimento. Ciò significa che si verificano proprio nel periodo in cui una donna dovrebbe avere le normali mestruazioni mensili.

Se non sento l’impianto, perché ho i crampi?

I crampi che si avvertono all’inizio della gravidanza sono dovuti all’aumento dei livelli di progesterone durante l’ultima fase del ciclo mestruale. Il progesterone è l’ormone responsabile anche dell’umore, del gonfiore, della nausea e di altri sintomi che comunemente associamo al ciclo mensile e alla gravidanza.

Crampi da impianto o ciclo sintomi
Crampi da impianto o ciclo sintomi

Il ciclo mestruale medio può essere suddiviso in tre fasi: la fase follicolare, la fase di ovulazione e la fase luteale. La fase follicolare inizia quando il corpo comincia a rilasciare due ormoni noti come ormone follicolo-stimolante (FSH) e ormone luteinizzante (LH).

Questi due ormoni stimolano la crescita degli ovuli all’interno dell’ovaio. Aumentano la produzione di estrogeni nell’organismo. Quando i livelli di estrogeni raggiungono il loro picco, la produzione di FSH viene interrotta. Un follicolo continua a svilupparsi fino alla formazione di un ovulo.

A questo punto inizia la fase di ovulazione. In questo periodo gli ormoni luteinizzanti aumentano e permettono il rilascio dell’ovulo. A questo punto, i livelli di estrogeni hanno raggiunto il picco e l’ormone progesterone inizia ad aumentare. L’LH e l’FSH hanno iniziato a diminuire la loro produzione dopo il rilascio dell’ovulo, consentendo al progesterone e agli estrogeni di ispessire il rivestimento uterino in vista dell’impianto.

LEGGI ANCHE: