Crescere un bambino emotivamente intelligente: strategie efficaci

·4 minuto per la lettura
crescere un bambino emotivamente intelligente
crescere un bambino emotivamente intelligente

Crescere un bambino emotivamente intelligente può dare grandi benefici in futuro. I bambini piccoli danno un nuovo significato alla parola “mercuriale”. Un momento il vostro bambino sta correndo in giro pieno di gioia, e il momento dopo sta piangendo in totale frustrazione e scagliando giocattoli attraverso la stanza. Gli esperti ritengono che questi crolli infantili siano in realtà importanti opportunità per insegnare al vostro bambino come gestire i sentimenti forti e calmarsi in tenera età. La famiglia è il primo e migliore posto per insegnare queste lezioni di vita.

Quando aiutate vostro figlio a capire e a gestire sentimenti travolgenti come la rabbia, la frustrazione o la confusione, sviluppate il suo quoziente di intelligenza emotiva, o QI emotivo. Un bambino con un alto QI emotivo è meglio in grado di affrontare i suoi sentimenti, può calmarsi da situazioni emotivamente intense, capisce e si relaziona bene con gli altri, e può formare amicizie forti più facilmente di un bambino con un QI emotivo inferiore.

Gli esperti hanno sottolineato l’importanza di un alto QI emotivo nell’aiutare i bambini a diventare adulti sicuri, responsabili e di successo che navigano abilmente nelle relazioni interpersonali.

Ascoltare

A volte tutto ciò di cui vostro figlio ha bisogno per essere emotivamente intelligente è essere ascoltato. Una volta che ha espresso i suoi sentimenti, può andare avanti. Tuttavia, per sentirsi sicuro nel condividere i suoi sentimenti, ha bisogno di sapere che voi siete pienamente presenti e che lo ascoltate. Resistete all’impulso di cercare di aiutarlo a sentirsi meglio subito, e ascoltate invece il più pazientemente possibile.

Dare un nome ai sentimenti

I bambini piccoli hanno un vocabolario limitato e solo una comprensione rudimentale di causa ed effetto, quindi spesso hanno difficoltà a descrivere ciò che provano. Incoraggiate il vostro bambino a costruire un vocabolario emotivo dandogli delle etichette per i suoi sentimenti mentre glieli rispecchiate. Se sembra deluso di non poter andare al parco, potreste dirgli: “Ti senti triste per questo, vero?

Potete anche fargli sapere che è normale avere emozioni contrastanti per qualcosa. Per esempio, potrebbe essere sia eccitato che spaventato durante la sua prima settimana all’asilo.

Convalidare le emozioni

Invece di dire a vostro figlio che non c’è motivo di arrabbiarsi quando fa i capricci perché non riesce a mettere insieme un puzzle, riconoscete quanto sia naturale la sua reazione. Dite: “È davvero frustrante quando non riesci a finire un puzzle, vero?”.

Se è arrabbiato perché non gli state prestando attenzione, potete dire: “So che è difficile per te quando sto dando la mia attenzione al fratellino. Vorresti avermi tutta per te, vero?”.

Rispecchiando i suoi sentimenti e facendogli sapere che sono appropriati, state plasmando l’empatia. Inoltre, in questo modo, lo incoraggiate a continuare a condividere i suoi sentimenti con voi. La cosa importante è accettare i sentimenti di vostro figlio, piuttosto che mostrare disapprovazione. Se sente che disapprovate, imparerà che le sue emozioni negative sono vergognose e che solo quelle piacevoli sono accettabili.

come crescere un bambino emotivamente intelligente
come crescere un bambino emotivamente intelligente

Allora, invece di imparare modi appropriati per esprimere e regolare le emozioni spiacevoli, le reprimerà. Questi sentimenti repressi possono emergere in modi inconsci, come incubi o comportamenti aggressivi.

Usare i capricci come momenti di insegnamento

Il dramma emotivo è normale per i bambini, e puoi usare questi crolli come opportunità per aiutare vostro figlio a imparare a gestire i grandi sentimenti. Se vostro figlio esplode in un negozio perché non gli comprate un dolcetto alla cassa, convalidate prima i suoi sentimenti: “So che sei deluso e arrabbiato, ma oggi non avremo le caramelle”. Una volta che la tempesta è passata, conversa brevemente con lui e aiutalo a dare un nome a ciò che ha provato.

Se si arrabbia quando scopre di avere un appuntamento dal medico, aiutalo a sentirsi in controllo preparandosi per la visita. Parlate con lui del perché ha paura, cosa può aspettarsi durante la visita e perché ha bisogno di andarci. Parlare delle emozioni funziona allo stesso modo per i bambini e per la maggior parte degli adulti.

crescere un bambino emotivamente intelligente consigli
crescere un bambino emotivamente intelligente consigli

Insegnare a risolvere i problemi

Quando il vostro bambino litiga con voi o con un altro bambino, mettete in chiaro i limiti e poi guidatelo verso una soluzione. Per esempio, potete dire: “So che sei arrabbiato con tua sorella perché ha rovesciato la tua torre di blocchi, ma non puoi colpirla. Cos’altro puoi fare se ti arrabbi?”.

Se vostro figlio non ha idee, dategli delle opzioni. Lynne Namka, specialista nella gestione della rabbia, consiglia di dire a vostro figlio di controllare prima la pancia, la mascella e i pugni per vedere se sono stretti, e poi dimostrargli come respirare profondamente “per soffiare via la rabbia”. Mostrategli che è bello riprendere il controllo.

Poi, suggerisce Namka, aiutate vostro figlio a usare una voce forte per parlare della sua rabbia, iniziando con qualcosa come: “Mi sento arrabbiato quando urli così”. I bambini dovrebbero sapere che va bene essere arrabbiati, purché non facciano del male agli altri per questo motivo.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli