Croazia: si riapre agli italiani, ma solo a una condizione

Dubrovnik, Croazia

Il governo della Croazia fa dietrofront e decide di riaprire le proprie frontiere ai turisti italiani, a condizione, però, che prima di entrare nel Paese abbiano già prenotato l’albergo.

Infatti, nonostante l’Italia non compaia nella lista delle dieci nazioni (Austria, Repubblica Ceca, Estonia, Germania, Ungheria, Lettonia, Lituania, Polonia, Slovacchia e Slovenia) a cui giovedì 28 maggio la Croazia ha riaperto i confini “senza restrizioni”, gli italiani possono effettuare il loro ingresso dietro “comprovate ragioni economiche”, tra le quali sono incluse anche le finalità turistiche. Basta esibire alla frontiera la prova di prenotazione alberghiera o di un’altra struttura ricettiva.

E per accelerare l'ingresso, il ministero degli Esteri croato suggerisce di presegnalare il proprio arrivo nel Paese compilando un modulo disponibile al momento solo in inglese e in croato sul sito del ministero degli Interni croato.

VIDEO - La “prima volta” della Croazia: comincia il semestre di presidenza croata all’Ue