Da Kafka a Nabokov, da Calvino a Fabre. Il fascino degli insetti, molto simili a noi

Giuseppe Fantasia
·Journalist
·2 minuto per la lettura
Ricordi di un entomologo (Photo: adelphi)
Ricordi di un entomologo (Photo: adelphi)

Non vi interessa nulla di ragni, scarafaggi, calabroni, cicale e formiche? Vi fanno ribrezzo ogni volta che ne vedete uno? Non ne diventerete fan né smetterete di provarlo, questo è certo, ma vi farete un’idea diversa del loro mondo e di cosa sono e fanno realmente, dopo aver letto “Ricordi di un entomologo”, l’immensa opera di Jean-Henri Fabre (1823-1915) di cui Adelphi ha pubblicato il primo volume e presto tutti gli altri. Fabre è stato tra i primi grandi naturalisti divulgatori e a lui va il merito di aver portato all’attenzione di un vasto pubblico un mondo animale considerato sempre di serie B, organismi piccoli e apparentemente inutili che prima di lui nessuno riteneva degni di uno sguardo. Come pochi, è riuscito a trasformare un esemplare delle infinite specie da lui osservate, nel protagonista di racconti di avventure che a tratti sono persino esilaranti. Lui è l’esempio perfetto di quel giusto mix tra letteratura e scienza di cui ci parla Ian Mc Ewan nella sua raccolta di saggi “Invito alla meraviglia” (Einaudi), ribadendo che “la grandezza della prima è più comprensibile e più accessibile della seconda”. Se tutti abbiamo più o meno un’idea - nostra o inculcataci da altri - di cosa si intende per grande romanziere e quando leggiamo una storia abbiamo il privilegio di un contatto diretto col lavoro fatto da uno scrittore o da una scrittrice, non facciamo lo stesso con la scienza. “La letteratura - fa notare lo scrittore inglese rifacendosi a Italo Calvino (che fu tra i primi a trattare l’argomento in “Cosmicomiche” e in “Cibernetica e fantasmi”) - è dunque più esperienza comune ed è universale” - mentre invece la scienza e la sua grandezza “sono più difficili da afferrare” e le stesse opere scientifiche non ci invitano quasi mai ad entrare, “ma...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.