Dalla tradizione alla modernità: l'arte del presepe è (ancora) il simbolo delle case a Natale

Di Redazione Digital
·3 minuto per la lettura
Photo credit: Mael Balland per Unsplash
Photo credit: Mael Balland per Unsplash

From ELLE Decor

Playlist di Natale ad alto volume, mise-en-place a tema, abete in un angolo raccolto di casa e illuminazione accesa. Cosa manca? Il presepe. Il simbolo della tradizione, racconto visivo della natività e costume ricercatamente iconico dell'arte scultorea italiana, oggi si acquista completo nella sua realizzazione, minuziosa e fatta a mano, anche online. Forte del suo messaggio e di un'estetica talvolta vestita di modernità, la rappresentazione tradizionale della notte del 24 dicembre è oggi un decoro domestico che non può mancare in casa.

Dalle versioni classiche a quelle dal tono più contemporaneo, dalle misure piccine e raccolte ai grandi capolavori scultorei, i presepi si presentano realizzati in dimensioni e materiali diversi. Legno, sughero, ceramica e ovviamente le lavorazioni più preziose e certosine, specie quella fatte a mano, premiano l'estetica di un oggetto senza tempo che accompagna il mese più caldo dell'anno (anche se fuori c'è la neve). In un'atmosfera da rosso natalizio, con l'illuminazione che trasforma le stanze in nidi delicati all'insegna della dolcezza e della serenità, il design non può perdere un pezzo forte della tradizione. Da San Gregorio Armeno ai laboratori di artigianato delle valli, il presepe completo si compra anche online.

Partiamo dalla base, senza statuette. Questo presepe è il più venduto su Amazon perché vanta un ottimo rapporto qualità - prezzo. Realizzato artigianalmente da maestri napoletani, la natività diventa una scena fatta di legno e sughero. Trovargli una posizione in casa sarà facile: la dimensione contenuta ma lo spirito rappresentativo trasformano l'oggetto in un quadro raccolto ma estremamente comunicativo.

Lavoro certamente minuzioso, quello del duo delle statuine religiose firmate Ferrari & Arrighetti. Questo presepe, realizzato con una particolare attenzione ai dettagli, porta con sé la riproduzione della natività incorniciata all'interno della ricostruzione certosina della grotta dove nacque Gesù bambino. Moss, sughero e legno della tradizione sposano la più ravveduta illuminazione: gli angoli diventano i particolari su cui accendere le luci a 220 volt.

Davvero, davvero noto - sicuri di non averlo già visto a casa di amici? - il presepe in ceramica firmato Thun. Classico nel suo stile pacato, la capanna è la cornice minimale entro la quale si realizza la scena della natività. Una grossa stella cometa, altro pilastro dei racconti natalizi, domina il design dentro il quale le statuine - sempre realizzate in ceramica - si arricchiscono del senso più profondo del Natale.

E Babbo Natale? Lasciamoci, almeno per un momento, la tradizione secolare alle nostre spalle e guardiamo l'orizzonte della modernità come una chance per rinnovare il design di casa alla volta del sogno più dolce dei bambini. Una pista di pattinaggio prende vita attraverso LED colorati, un albero di Natale che gira e personaggi che si muovono sulla scena. Non è forse anche questo il ricordo più bello che culliamo ogni anno a dicembre?

Torniamo alla tradizione. Un altro lavoro degli artigiani Ferrari & Arrighetti si traduce in un oggetto dal dettaglio imperfetto ma bellissimo, sinonimo di un lavoro manuale inconfondibile. Ovviamente decorato a mano e realizzato con materiali naturali quali legno, sughero e muschio, questa riproduzione della notte del 24 dicembre si arricchisce di una veste più moderna grazie a un torrente d'acqua fluo - che al buio fa la sua scena.

Realizzato a mano da Ferrari & Arrighetti e dipinto meticolosamente da artisti e scultori della Val Gardena (in Trentino Alto Adige), questo presepe è praticamente un pezzo più unico che raro. Le figure sono dipinte con colori a olio, decorate e dorate con una foglia d'oro. La scena della natività si completa così con 18 pezzi realizzati in diversi materiali naturali e lavorati minuziosamente da artisti che fanno questo da quarant'anni. Quando si dice: "la tradizione".