Dallo statement di Cara Delevingne al vestito di AOC, il Met Gala non è mai solo abiti, lustrini e paillettes

·3 minuto per la lettura
Photo credit: ANGELA WEISS - Getty Images
Photo credit: ANGELA WEISS - Getty Images

Ormai non è più una novità: infarcire di significati nascosti i look da red carpet è diventato uno dei passatempi preferiti delle celebrities. E, del resto, noi stiamo al gioco più che volentieri e appena escono i primi scatti siano già lì a cercare di scovare i riferimenti e gli statement sui loro abiti interrogandoci su cosa avranno voluto dirci. Il Met Gala, poi, tra tutti è il momento dove le star possono davvero sbizzarrirsi e esprimere loro stesse in libertà e dunque anche quest'anno i messaggi non sono mancati. Il tema dell'edizione 2021 (ormai lo sappiamo) era In America: A Lexicon of Fashion e i partecipanti erano quindi invitati a vestirsi rendendo omaggio agli Stati Uniti e alla moda americana. Parità di genere, mondo LGBT+, politica: ne abbiamo per tutti in gusti e nel frattempo il mondo social sta ancora cercando di capire cosa abbia voluto dirci Kim Kardashian con il suo look total black a volto coperto (se avete idee, fateci sapere).

Photo credit: Jamie McCarthy/MG21 - Getty Images
Photo credit: Jamie McCarthy/MG21 - Getty Images
Photo credit: John Shearer - Getty Images
Photo credit: John Shearer - Getty Images

Iniziamo da Cara Delevigne che ha voluto lanciare un messaggio ben preciso che non lascia dubbi. Scritta a caratteri cubitali rosso su bianco su un giubbotto antiproiettile c'è la frase "Peg the Patriarchy" e non c'è altro da aggiungere. Il look è opera di Maria Grazia Chiuri per Dior e riconosciamo infatti lo stile delle T-shirt del 2016 con la scritta "We Should All Be Feminists" e della maglia del 2018 che recitava invece "Why Have There Been No Great Women Artists?" sempre a sostegno della parità di genere. Il femminismo è senz'altro una battaglia sempre attuale - basta vedere quello che sta succedendo in Texas - e Cara Delevigne ci crede davvero (e quindi può permetterselo). Stesso discorso anche per la congresswoman Carolyn Maloney, il cui abito è un vero manifesto per la parità di genere con i colori delle suffragette (bianco, viola e oro), la scritta "Parità di diritti per le donne" e una borsa con la frase "ERA YES", in riferimento all'Equal Rights Amendment che propone di garantire pari diritti ai cittadini senza alcuna distinzione di sesso e che ancora non è stato ratificato in tutti gli Stati.

Sempre rosso su bianco al Met ha poi attirato l'attenzione anche un'altra frase, stavolta stampata sull'abito della nostra deputata del cuore Alexandria Ocasio-Cortez: "Tax the Rich" e c'è già chi fa polemica e parla di ipocrisia. In realtà AOC porta avanti le sue battaglie politiche ogni giorno e ha spiegato così la scelta dell'abito: "Il mezzo è il messaggio. Ora è il momento per l'assistenza all'infanzia, l'assistenza sanitaria e l'azione per il clima per tutti. Tassiamo i ricchi".

Photo credit: (C)Kevin Mazur - Getty Images
Photo credit: (C)Kevin Mazur - Getty Images
Photo credit: ANGELA WEISS - Getty Images
Photo credit: ANGELA WEISS - Getty Images

Sia Naomi Osaka sia la rapper Sweetie hanno invece scelto di declinare il tema come omaggio alle loro origini per ricordare al mondo e agli americani il carattere multietnico degli USA e le minoranze ancora discriminate. Naomi Osaka in Louis Vuitton ha celebrato le sue origini giapponesi e haitiane in un tripudio di colori contrastanti, mentre Sweetie ha scelto un abito di Christian Cowan drappeggiato con la bandiera del Black American Heritage e con la bandiera filippina. "Questo è ciò che fa di me una ragazza americana", ha detto a E! News.

Photo credit: ANGELA WEISS - Getty Images
Photo credit: ANGELA WEISS - Getty Images
Photo credit: Jeff Kravitz - Getty Images
Photo credit: Jeff Kravitz - Getty Images

Infine non sono mancati i riferimenti alle comunità LGBT+ - com'è giusto che sia in un Paese dove le discriminazioni per orientamento sessuale e identità di genere sono ancora troppo presenti. Sull'abito LOEWE di Dan Levy l'artista David Wojnarovicz ha ricamato la sagoma di due uomini che si baciano: "Piuttosto che nutrirci di un messaggio di odio, volevamo celebrare l'amore e la visibilità queer", ha scritto su Instagram l'attore e regista aggiungendo: "Stasera celebriamo la resilienza, l'amore e la gioia della comunità". Anche la star del calcio Megan Rapinoe era meravigliosa vestita con un tailleur di Sergio Hudson di seta rosso acceso abbinato a una camicia blu a stelle bianche con un chiaro richiamo alla bandiera americana. A completare il look un clutch con la scritta "In gay we trust" a ricalcare la frase "In God we trust" motto nazionale degli Stati Uniti d'America: dieci e lode.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli