Datteri: alleati dell’apparato cardiovascolare

datteri

I datteri sono uno dei frutti tipici dei Paesi con clima esotico e molto caldo. Sebbene essiccati abbiano un contenuto calorico abbastanza elevato, i benefici e le innumerevoli proprietà per la salute li rendono uno degli alimenti più consigliati dai medici. I datteri possono essere acquistati in qualsiasi periodo dell’anno e consumati da soli al posto del dessert oppure per preparare squisiti dolci tradizionali. Ecco quali sono i valori nutrizionali e i benefici di questi prodotti unici.

La stagionalità dei datteri

La pianta dei datteri appartiene alla famiglia delle palme il cui nome scientifico è Arecaceae. Si tratta di una pianta molto longeva e resistente che può raggiungere i tre metri di altezza e quasi 300 anni di vita. Per crescere e prosperare questa pianta abbisogna di poca acqua ed un clima molto caldo; in passato si potevano trovare principalmente in Nord Africa e Asia oggi sono presenti coltivazioni di datteri anche in California e Sud America.

Ogni albero di dattero arriva a produrre fino a 50 kg di frutti e generalmente la stagionalità è relativa ai periodi di agosto, settembre e ottobre, mesi nei quali è possibile trovare il frutto fresco sul mercato. Il nome datteri deriva dalla parola greca dito grazie alla loro forma allungata e al colorito bruno rossiccio. Si tratta di frutti teneri e succosi ma in assoluto la varietà più famosa e apprezzata è quella che proviene dalla terra di Israele.

Le proprietà nutrizionali dei datteri

I datteri sono frutti ricchi di acqua e zuccheri di diverso tipo. Tra le loro proprietà nutrizionali spicca l’elevata presenza di potassio, in quantità maggiore rispetto ad altri frutti come le banane. I datteri hanno una quantità di colesterolo pari a zero e moltissime vitamine e sali minerali, un elevato contenuto di ferro e magnesio.

Proteine e grassi sono presenti n quantità inferiore rispetto ad altri frutti. Per quanto riguarda i datteri essiccati, hanno ovviamente una minore quantità di acqua e sali minerali ed un contenuto calorico di molto superiore perciò bisogna consumarli con una certa moderazione, al contrario però sono ricchi di vitamine e minerali.

I benefici per il sistema cardio-vascolare

Essendo i datteri ricchi di zuccheri, sono un frutto estremamente energetico perfetto per gli sportivi o per coloro che hanno uno stile di vita molto attivo. Grazie all’elevato contenuto di potassio i datteri sono estremamente benefici per la salute del sistema cardio-vascolare; con spiccate proprietà difensive che riescono a prevenire i problemi del sistema neurologico.

I datteri inoltre hanno un’azione anti-infiammatoria e riescono a contrastare i primi sintomi del raffreddore e l’influenza. Consumati freschi i datteri sono estremamente benefici per il sistema digerente in quanto riescono a prevenire patologie più o meno gravi come il cancro al colon, favoriscono il transito intestinale grazie all’alto contenuto di fibre e rendono la pelle molto più bella e liscia grazie alla presenza di vitamine e minerali con spiccate proprietà anti-age. Il calcio presente sia nel dattero fresco che essiccato permette di rafforzare la salute delle ossa e prevenire patologie come l’osteoporosi. L’alta concentrazione di vitamina A e fibre aiuta nel prevenire e ridurre emorroidi e coliti.

Controindicazioni dei datteri

Nonostante tutti i benefici che apportano, data l’elevata quantità di zuccheri è consigliato a coloro che soffrono di diabete di consumarli. I datteri sono sconsigliati anche a chi sta seguendo una dieta ipoglicemica oppure a coloro che soffrono di ulcere. Infine, i soggetti allergici dovrebbero consumarne quantità moderate poiché l’istamina presente nel frutto potrebbe causare reazioni allergiche dovute magari a pollini betullacei o simili.