David Bowie: la Warner acquisisce i diritti degli ultimi album

·1 minuto per la lettura

I diritti degli ultimi album di David Bowie passano alla Warner Music Group.

A partire dal 2023, la titolarità di tutti i master registrati dal grande artista britannico tra il 2000 e il 2016, anno della sua morte, sarà in controllo della major guidata da Stephen Cooper.

L’etichetta discografica deteneva già i diritti delle opere del Duca Bianco rilasciate tra il 1968 e il 1999, dopo l’acquisizione di Parlophone Label Group, avvenuta nel 2013.

Max Lousada, CEO della Recorded Music della Warner Music Group, ha definito il nuovo accordo «storico», aggiungendo: «È un incredibile onore essere stati scelti come amministratori di uno dei più importanti e dinamici corpi di lavoro creativo nella cultura moderna».

«L’impatto della continua reinvenzione e della sperimentazione infinita di Bowie continua a risuonare in tutto il mondo, attraverso i generi che ha trasformato, le canzoni e i suoni senza tempo che ha inventato e l'incommensurabile influenza che ha esercitato sulla musica, sull'arte e sulla moda».

Nel nuovo accordo rientrano album come «Heathen», «Reality», «The Next Day» e «Blackstar», rilasciato l’8 gennaio 2016, due giorni prima della scomparsa della rockstar.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli