Decaro: "Governo intervenga per salvare la Popolare Bari". Conte: "Sono stato omissivo per non creare allarmi sui mercati"

HuffPost

“Il governo deve assolutamente intervenire per salvare la Banca Popolare di Bari così come è accaduto per altre realtà del nostro Paese. Altrimenti assisteremo allo sgretolamento dell’intero tessuto economico della città e oltre 70 mila famiglie perderebbero i loro risparmi”. Lo ha detto il sindaco di Bari e presidente nazionale Anci, Antonio Decaro.

Dopo la richiesta di Decaro è arrivata la risposta del premier Conte: “Per la prima volta ieri ho dovuto essere omissivo, l’ho fatto per non creare allarme con i mercati aperti e per il segreto d’ufficio. Perché in realtà ero stato avvertito della procedura di Bankitalia per il commissariamento della Popolare di Bari. Quindi mi scuso con tutti i cittadini”. “Non tuteleremo nessun banchiere”, assicura Giuseppe Conte prima di aggiungere che sulla Popolare di Bari “interverremo attraverso uno strumento nella pancia di Invitalia, Mediocredito Centrale. Cerchiamo di fare di necessità virtù. Assicureremo a Mediocredito centrale le necessarie risorse per poi, con un fondo interbancario, intervenire per rilanciare la Pop Bari. Avremo una sorta di Banca del Sud degli investimenti a partecipazione pubblica”. Il premier ha poi annunciato un cdm a breve sulla questione. Conte, dopo gli scontri all’interno della maggioranza in particolare con Italia Viva sulla Popolare di Bari, assicura che non c’è “nessuna tensione, abbiamo chiarito, con Marattin ci siamo anche sentiti a telefono”. “Gli obiettivi sono condivisi”, assicura il premier.

VIDEO - Conte: “Non tuteleremo nessun banchiere”

 

Sulla vicenda è intervenuto anche il governatore della Regione Puglia, Michele Emiliano, che all’Agi lancia il suo monito: “Bisognerà vigilare e fare in modo che questa banca rimanga una banca pugliese. Io temo quello che è successo in altri contesti, all’Agenzia delle Entrate, dove ad un certo punto quando la Lega, anni fa, governava, mandò via tutti i dirigenti pugliesi dell’Agenzia delle...

Continua a leggere su HuffPost