Degenerazione cerebrale: come rallentarla

·2 minuto per la lettura
invecchiamento cervello
invecchiamento cervello

Tutti noi andiamo incontro all’invecchiamento del cervello con l’avanzare dell’età, ma ci sono dei consigli e delle buone abitudini che possiamo seguire per evitare che questo fenomeno si presenti precocemente.

Come evitare l’invecchiamento del cervello

Il cervello è probabilmente l’organo più importante per il nostro organismo, quello che ci permette di svolgere tutte le attività quotidiane – a partire dalla respirazione. Ma come tutti gli altri organi, esso è soggetto a una degenerazione dovuta all’invecchiamento di tutto il corpo: come possiamo evitare che ciò accada e che il nostro cervello si mantenga a lungo giovane? Basta mantenere alcune buone abitudini e uno stile di vita sano.

Il declino cognitivo – abbassamento della concentrazione, perdita della memoria, velocità di comprensione – può essere infatti rallentato anche grazie al nostro impegno, si tratta di pura e semplice prevenzione. Vediamo quali sono i consigli degli esperti.

Alimentazione sana

Ebbene sì, il benessere di tutto il nostro corpo passa anche attraverso quello che mangiamo, il cosiddetto “cibo per la mente. Un regime alimentare sano ed equilibrato, che includa frutta e verdura, legumi, cereali, pesce e olio di oliva, è altamente raccomandato; mentre vanno evitate sostanze e cibi altamente nocivi come l’alcol, gli zuccheri, i fritti e i cibi grassi, e anche l’abuso di carne rossa.

Attività fisica

Per evitare l’invecchiamento del cervello è importante anche svolgere abitualmente attività fisica. Lo sport sarà un toccasana non solo dal punto di vista fisico, proteggendo la salute cerebrale, ma anche dal punto di vista psicologico, altrettanto importante.

Prevenzione dalle malattie

Patologie quali il diabete, l’ipertensione, ma anche ansia e depressione, possono danneggiare le funzioni cognitive e sono addirittura state associate ad un rischio maggiore di sviluppare la demenza.

Relazioni sociali

Non c’è niente di meglio per mantenere il nostro cervello attivo che le relazioni sociali che intratteniamo: i rapporti interpersonali permettono di confrontarci e non chiuderci nel silenzio di noi stessi. Questo coinvolgimento è di estrema importanza anche e soprattutto per le persone di una certa età, che nella solitudine rischierebbero di veder venir meno le loro funzioni cognitive.

Allenare il cervello

Lo studio e la voglia di imparare, la lettura, il gioco, viaggiare, avere degli hobby e fare esperienze sempre nuove: questi sono tutti suggerimenti su come evitare l’invecchiamento del cervello. E’ stato infatti dimostrato che chi si sottopone a un continuo training cognitivo abbia addirittura il 30 per cento in meno di probabilità di sviluppare demenza negli anni a venire.

Inoltre, le esperienze vissute nella nostra vita rappresentano quasi per noi un vantaggio, perché ci hanno permesso di stabilire tantissime connessioni sinaptiche tra i neuroni, che faranno da “salvagente” quando per l’età le altre inizieranno a deteriorarsi.