Demi Lovato fa coming out: “Sono una persona non binaria, mi definisco con il pronome loro"

·3 minuto per la lettura
Photo credit: Rich Fury - Getty Images
Photo credit: Rich Fury - Getty Images

"Questa [decisione] è arrivata dopo un sacco di guarigione e di lavoro auto-riflessivo. Sto ancora imparando ed entrando in contatto con me stess*, e non pretendo di essere un espert* o un* portavoce" racconta Demi Lovato dalla sala di registrazione del suo nuovo podcast 4D With Demi Lovato. Sorridente, con alle spalle una parete glitterata e davanti il microfono che darà voce al suo podcast esplorativo di tematiche LGBT+, body positive, ambientaliste ecc., Demi Lovato ha deciso di inaugurare questo nuovo percorso di vita condividendo la sua storia.

"Oggi è un giorno in cui sono così felice di condividere di più della mia vita con tutti voi - sono orgogliosa di farvi sapere che mi identifico come non-binario e che cambierò ufficialmente i miei pronomi in loro/loro andando avanti" ha spiegato ai suoi oltre 100milioni di follower Instagram, per poi continuare "Condividere questo con voi ora apre un altro livello di vulnerabilità per me. Lo faccio per quelli là fuori che non sono stati in grado di condividere chi sono veramente con i loro cari. Per favore, continuate a vivere le vostre verità e sappiate che vi sto mandando tanto amore.". Così Demi Lovato, 28 anni, ha portato i riflettori sul concetto di non binario, sperando di aumentare la consapevolezza sul discorso riguardante l'identità di genere e di incentivare le persone a scavare dentro di se, cercando la propria identità: "Ogni giorno ci svegliamo, ci viene data un'altra opportunità e la possibilità di essere chi vogliamo e desideriamo essere".

L'immagine socio-psicologica che un individuo ha di se stesso corrisponde al genere, che non è da confondere con il sesso (biologico), determinato dai cromosomi dell'individuo. Per questo ci sono diverse identità di genere, ad esempio chi ritiene che il suo sesso e la sua identità di genere combacino si definisce cisgender. Chi invece, come Demi Lovato, sente che la propria identità non corrisponde al sesso biologico né con la dicotomia maschio/femmina, si definisce non binaria. Le persone non binarie possono appartenere a un terzo genere, a entrambi o a nessuno e per identificarsi usano il pronome "loro" che rispecchia la libertà nello scegliere di non incasellarsi in un binario o nell'altro.

Il percorso che ha portato Demi Lovato a questa consapevolezza, ancora in evoluzione, è stato lungo, accidentato e spesso esposto allo sguardo di tutti, come spiega lei stessa nel video Instagram: "Ho passato la maggior parte della mia vita a crescere davanti a tutti voi... avete visto il bene, il male e tutto quello che c'è in mezzo. Non solo la mia vita è stata un viaggio per me stess*, ma anche per quelli dall'altra parte delle telecamere". Oggi Demi Lovato, ex star-bambina di Disney Channel e cantante pop, si sta esponendo più che mai, esponendosi allo sguardo altrui ma attraverso la propria voce, decidendo con il pieno controllo l'immagine di se che desidera dare. L'ha fatto ad aprile con il documentario Dancing with the Devil... the Art of Starting Over (titolo ripreso dal settimo album dell* cantante), in cui ha raccontato l'overdose del 2018 e lo stupro subito a 15 anni, e sembra che continuerà a farlo con il podcast 4D With Demi Lovato, online dal 19 maggio.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.