Design News: nella corsa ai funghi riscaldanti, l'Italia arriva prima con un tavolino

Di Redazione Digital
·2 minuto per la lettura
Photo credit: Courtesy Photo
Photo credit: Courtesy Photo

From ELLE Decor

In principio erano i funghi riscaldanti, che nella loro versione alta, metallica ed esteticamente discutibile spuntavano tra un tavolo e l’altro nei dehor di bar e ristoranti. Poi è arrivata la pandemia con la conseguente riscoperta dei balconi, e queste stufe da esterno, a gas e a infrarossi, si sono moltiplicate anche nei palazzi, scaldando le pertinenze esterne di appartamenti e case unifamiliari.

In Inghilterra eBay ha registrato vendite da record di questi oggetti, in Germania il governo ha offerto incentivi all’acquisto per bar e ristoranti mentre il Ministro dell’Ecologia francese li ha definiti una “aberrazione ecologica”, annunciando che dall’anno prossimo saranno fuori legge. E in Italia, dove anche Milano ha applicato restrizioni sull'uso dei funghi a gas? Abbiamo fatto di meglio, trasformandoli in oggetti di design multifunzionali. È il caso di Heureca Group, società che ha appena messo in commercio da noi e in Spagna un innovativo tavolino riscaldante progettato per il settore Ho.Re.Ca. che permette di godersi un pranzo o una colazione all’aperto anche nei mesi più freddi.

Photo credit: Courtesy Photo
Photo credit: Courtesy Photo

Dentro la base del tavolino Vireoo Pro è installato un impianto studiato per riscaldare gli ospiti attraverso una lampada infrarossi da 550watt a corto raggio, alimentata da una presa di corrente. I raggi producono vibrazioni sulle cellule dell’organismo che, migliorando la circolazione del sangue, permettono al calore di distribuirsi lungo il corpo con molta più efficacia rispetto al tradizionale fungo riscaldante che, emanando calore dall’alto, potrebbe causare una sensazione “febbrile”.

Gli altri vantaggi di questo tavolino riscaldante a infrarossi rispetto a un normale fungo sono il dispositivo di sicurezza Safe Touch brevettato che permette di toccare il tavolo anche quando è attivo senza scottarsi, il basso consumo energetico (i costi di consumo di un fungo sono pari a quelli di 24 Vireoo Pro) e l’attenzione all’ambiente (le emissioni di Co2 sono inferiori dell’89% rispetto al suo competitor).

Photo credit: Courtesy Photo
Photo credit: Courtesy Photo

heurecagroup.com