Devo preoccuparmi delle abitudini di conforto del mio bambino?

·3 minuto per la lettura
Abitudini di conforto del bambino
Abitudini di conforto del bambino

Abitudini di conforto del bambino: c’è da preoccuparsi? Probabilmente no. Molti bambini vanno a letto con un pupazzetto (o si succhiano le dita), stringono una coperta sporca, infilano l’orsacchiotto preferito tra le gambe e si attorcigliano le orecchie quando hanno sonno. Queste sono tutte “abitudini di conforto”. La maggior parte dei bambini ne ha qualcuna, e finché non includono il portare una bottiglia di latte o succo di frutta a letto (sempre disastrosamente dannoso per i denti e anche un potenziale pericolo di soffocamento), lungi dall’essere qualcosa di cui i genitori dovrebbero preoccuparsi.

Il vantaggio delle abitudini di conforto è che sono sotto il controllo del vostro bambino, a differenza del conforto e dell’affetto che riceve da voi. Per quanto siate sensibili e amorevoli, siete voi a decidere quando una sessione di coccole è finita. Il vostro bambino non può costringervi a stare con lui, accarezzandogli la schiena e cantando una ninna nanna preferita più e più volte. Tuttavia, può contare su abitudini di conforto quanto e quando vuole. È bene che un bambino impari a calmarsi da solo e a usare le proprie risorse invece di essere in balia del mondo degli adulti.

Abitudini di conforto del bambino: c’è da preoccuparsi?

Questo non significa che le abitudini di comodità siano sempre desiderabili, però. Per cominciare, non è salutare per un bambino fare così tanto affidamento sulle abitudini di conforto da tagliarsi fuori dal conforto offerto da altre persone. Se vostro figlio usa comportamenti ritualizzati per mantenersi calmo e felice di notte, non sta facendo altro che bene a se stesso. Tuttavia se si ritira nell’auto-conforto durante il giorno, quando voi o una persona di riferimento siete disponibili per lui e i giocattoli, il gioco e l’esplorazione lo chiamano, potrebbe mostrare segni che qualcosa non va.

Abitudini di conforto del bambino consigli
Abitudini di conforto del bambino consigli

Naturalmente, ogni bambino può avere un giorno – quando non si sente bene, per esempio, o è molto stanco – in cui non vuole fare altro che cullarsi e succhiarsi il pollice. Se si gira volentieri verso di voi quando lo prendete in braccio, non c’è nulla di cui preoccuparsi. Tuttavia, se si ritira spesso in lunghe sessioni di dondolio ritmico e suzione, e persiste anche quando si cerca di coccolarlo o giocare con lui, è chiaro che non sta ottenendo molta soddisfazione dalle persone e dalle attività a sua disposizione.

I bambini che sono ricoverati in ospedale senza un genitore a volte si comportano in questo modo. Una dose extra di attenzione da parte vostra dovrebbe essere sufficiente a ristabilire il suo interesse per il mondo esterno. Si tratta di preziose aggiunte al conforto degli altri, ma raramente sostitutive.

Quando preoccuparsi

Infine, ci sono alcune “abitudini di conforto” di cui i genitori devono diffidare, specialmente quelle che comportano un effettivo dolore fisico. Un bambino che sbatte ritmicamente la testa sull’estremità della culla abbastanza forte da far male, o che tira e torce abbastanza capelli da lasciare chiazze calve, sta cercando conforto da qualcosa di peggio del normale stress della vita.

Se non riuscite a identificare alcuna causa temporanea di ansia, potreste voler consultare il vostro medico.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli