Di Domenico (Gsk), 'Contro virus e varianti monoclonali arma in più'

·2 minuto per la lettura

Se la campagna vaccinale sta svolgendo un ruolo essenziale nell'azione globale di contrasto a Covid-19, sempre più rilevanti si rivelano essere gli anticorpi monoclonali di seconda generazione che possono offrire un contributo significativo nel trattamento della patologia al suo manifestarsi.

"I vaccini sono una parte importantissima ma soltanto una parte della soluzione", osserva Massimiliano Di Domenico, responsabile per l'Europa comunicazione, relazioni istituzionali e accesso ai farmaci di Gsk, azienda impegnata nello sviluppo di sotrovimab. "E' importante - aggiunge - cercare di mettere a disposizione tutte le armi possibili per combattere questa pandemia. E ci sono degli strumenti addizionali che stanno dando dei risultati estremamente incoraggianti. In particolare gli anticorpi monoclonali chiamiamoli di seconda generazione, che stanno dimostrando non solo un'efficacia importantissima, ma anche, in alcuni casi, di avere un'ottima resistenza anche per tutte le variazioni del virus che oggi stanno iniziando a palesarsi in alcune parti del mondo".

"La Commissione europea - prosegue Di Domenico - ha formalizzato l'intenzione di utilizzare cinque nuovi farmaci di particolare importanza per contribuire alla gestione di questa pandemia e per supportare quanto è stato fatto finora grazie ai vaccini. Fra questi c'è anche l'anticorpo monoclonale sviluppato da Gsk in collaborazione Vir Biotechnology che è particolarmente efficace. Tutti gli studi condotti hanno dimostrato un'efficacia pari all'85% di riduzione di ospedalizzazione e rischio di morte per tutti coloro che hanno utilizzato questo anticorpo monoclonale". Studi che stanno trovando riscontri anche nelle aree in cui il farmaco è già impiegato: "E' proprio notizia di questi giorni - racconta Di Domenico - che ad Abu Dhabi, dove questo anticorpo monoclonale è già utilizzato, il 97,3% dei pazienti ha avuto un miglioramento sostanziale entro 7 giorni dall'utilizzo".

E in questa importante partita c'è anche un po' di 'made in Italy': "Sotrovimab è prodotto in Italia - spiega Di Domenico - in un sito Gsk che si trova a Parma e che è un vero e proprio centro di eccellenza a livello mondiale. E verrà esportato da Parma in tutto il mondo".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli