Didattica innovativa, dietro la cattedra il robot umanoide Pepper

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 30 set. (askanews) - La campanella è suonata anche per Pepper, robot umanoide che quest'anno sarà in cattedra insieme all'insegnante in carne e ossa nelle classi terze dell'Istituto Statale Comprensivo "A. Briosco" di Padova per proporre un nuovo modello di insegnamento ai bambini.

Questo progetto cittadino nasce dalla collaborazione tra il Laboratorio IAS-Lab del Dipartimento di Ingegneria dell'Informazione dell'Università di Padova, guidato dal prof. Emanuele Menegatti, e l'Istituto Statale Comprensivo "A. Briosco" assieme al Dipartimento di Scienze Umane e Sociali dell'Università di Bergamo in cui lavora la prof.ssa Monica Pivetti. Per questo nuovo anno scolastico è stato coinvolto anche il prof. Erik Castello del Dipartimento di Studi Linguistici e Letterari di Padova.

Pepper - informa Unipd - è uno dei più noti robot sociali, ovvero un robot pensato per l'interazione con gli esseri umani al fine di poter essere utilizzato in contesti educativi o riabilitativi. Il Dipartimento di Ingegneria dell'Università di Padova ha offerto alla scuola l'opportunità di sperimentare l'interazione con il robot in un contesto di apprendimento. I bambini delle classi terze dunque, hanno svolto attività di lingua inglese con il robot che è stato programmato in precedenza dai dottoranti del DEI.

"Lo scopo - spiega il prof. Menegatti - è quello di proporre e testare un modo innovativo di fare didattica con i bambini delle scuole elementari, tramite l'utilizzo di un robot umanoide che affianca l'insegnante. Sfruttando i suoi sensori e un tablet integrato, il robot può interagire con i bambini, proponendo semplici esercizi su un argomento precedentemente trattato in classe dai docenti. Di solito a scuola queste attività digitali vengono realizzate con PC o tablet. Il valore aggiunto di questo progetto è che l'aspetto fanciullesco e i comportamenti infantili del robot, permettono di creare una forte empatia con i bambini che lo considerano come un giocattolo o addirittura un loro compagno di giochi. Questo aumenta il loro coinvolgimento nella lezione, rendendo più piacevole ed efficace l'apprendimento".

Pepper ha già cominciato a lavorare lo scorso anno tra i banchi, in un esperimento pilota della Scuola Primaria "L. A. Muratori", supportando la maestra Taziana Giusti nell'insegnamento della lingua inglese. Interagire con il robot, ci riferisce l'insegnante, è stato altamente motivante per i bambini, i quali hanno attivato tutte le strategie linguistiche in loro possesso per poter comunicare con lui. Questi alunni della scuola primaria sono stati così entusiasti dell'esperienza, che già durante i primi giorni di scuola di questo nuovo anno scolastico, hanno chiesto notizie di Pepper.

Stasera Pepper, in occasione della manifestazione divulgazione scientifica Science4All, incontrerà il pubblico presso lo stand del Dipartimento di Ingegneria dell'Informazione dell'ateneo nel complesso di via Beato Pellegrino.