Dieta vegetariana e posizioni a testa in giù: ecco i segreti di Paul McCartney

Paul McCartney ha entusiasmato i fan esibendosi al Glastonbury, una settimana dopo aver compiuto 80 anni. Ma come fa a mantenersi in forma?

Dieta

Paul è notoriamente vegetariano dal 1975, quando lui e l’allora moglie Linda si convertirono a una dieta priva di carne. E quando sta lontano da casa per un po', gli piace cucinare cibo semplice e sano.

«Se vado in tour e mangio molto cibo acquistato in ristoranti oppure in hotel, quando torno a casa penso ai broccoli! Quindi opto per verdure a vapore, una bella insalata, e quel tipo di pietanze», ha detto al Guardian.

Esercizio

Il suo regime di fitness è però ancora più insolito: oltre al ciclismo, gli piace fare un allenamento leggero e poi mettersi a testa in giù.

«Faccio un po' di cross trainer, un po' di corsa, un po' di cardio e poi faccio dei pesi, degli addominali sulla palla svizzera, prima di finire sul tappetino a fare alcuni allungamenti. E mi metto a testa in giù», ha detto al Daily Mirror. «L'ho imparato negli anni '60, era una posizione di yoga: ho bisogno di flessibilità, non di forza».

Allenamento per gli occhi

Paul non mantiene solo il corpo in forma con lo yoga, ma anche gli occhi per garantirsi una vista acuta in tarda età.

Lo ha spiegato sul podcast di Jessie Ware, Table Manners: «Stai fermo, e poi guardi in alto il più lontano possibile, uno, due, tre, torna al centro, poi in basso, uno, due, tre, poi di nuovo al centro. Ne fai tre, poi vai a sinistra e a destra. Disegni una croce, su e giù, e di lato, e poi fai le diagonali».

La pratica può sembrare strana, ma per il cantante di Let It Be funziona, visto che può ancora leggere senza occhiali.

Questi i segreti del nostro Paul: vegetarianismo, verticali e yoga per gli occhi. Prova anche tu e forse riuscirai come lui a sentirti ancora un ragazzino superati gli 80 anni!

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli