Diossina, pericolo a Malagrotta: cos’è, che sintomi provoca e perché è pericolosa

Incendio gassificatore di Malagrotta
Incendio gassificatore di Malagrotta

Dopo l’incendio all’impianto di Malagrotta, domato ma che necessiterà di qualche giorno per essere spento del tutto, si teme che possa liberarsi diossina nell’aria: vediamo cos’è, perché è pericolosa e quali sono i sintomi da intossicazione.

Cos’è la diossina

Nota per l’estrema tossicità e distribuzione persistente, capillare e ubiquitaria nell’ambiente, si tratta di una sostanza che fa parte di un’ampia famiglia di composti chimici strettamente accumunati per caratteristiche e pericolosità. Nel linguaggio comune, quando si parla semplicemente di diossina si fa in genere riferimento alla TCDD, la più tossica tra tutte le sostanze appartenenti all’omonima categoria. Non è prodotta volontariamente ma deriva per lo più da processi naturali di combustione (incendi di foreste o emissioni di gas dei vulcani) oppure da specifiche attività umane quali l’incenerimento di rifiuti o i processi di produzione industriale.

I rischi per la salute in caso di inalazione sono molteplici: la sostanza è infatti cancerogena e, come tale, a concentrazioni opportune, può provocare diversi tumori (in particolare linfomi, cancro al fegato e alla mammella) ma anche malattie della tiroide, endometriosi, diabete e danni al sistema immunitario, emopoietico e riproduttivo. Un’altra manifestazione tipica dell’intossicazione acuta da diossina è la cloracne, una malattia simile all’acne giovanile che si manifesta in qualunque parte del corpo e a qualsiasi età in seguito all’esposizione massiccia al tossico.

Sintomi dell’intossicazione da diossina

Va da sé che i sintomi di un’esposizione limitata nel tempo ma ad alti livelli può provocare i seguenti sintomi (indice della possibile insorgenza di una delle malattie sopra citate):

  • eruzioni cutanee e pustole simili localizzate su tutto il corpo che possono persistere per anni lasciando cicatrici permanenti)

  • alterazioni delle funzioni del fegato

  • difficoltà nel metabolismo del glucosio

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli