Disabilità: come spiegarla al bambino dai 5 agli 8 anni

·3 minuto per la lettura
disabilità
disabilità

Spiegare la disabilità è una sfaccettatura molto importante. Se vostro figlio non ha già incontrato una persona disabile, è probabile che lo farà a un certo punto a scuola, dove i bambini con bisogni speciali sono spesso nella stessa classe con altri bambini. Siate pronti: il vostro scolaro curioso farà probabilmente molte domande.

Il modo in cui rispondete influenzerà probabilmente il modo in cui vostro figlio pensa alle disabilità e tratta gli altri quando crescerà. È anche un’opportunità per voi di promuovere un atteggiamento di inclusione e accettazione.

Come parlare a vostro figlio di disabilità

Affrontate la curiosità di vostro figlio. Se notate che vostro figlio vi fissa, prendete l’iniziativa. Potreste dire: “Ho notato che hai visto che quella bambina fa più fatica di te a camminare. Ha una paralisi cerebrale, che fa lavorare i suoi muscoli in modo un po’ diverso”.

Chiedete se vostro figlio ha delle domande. Se conoscete la persona con la disabilità, chiedeteglielo voi stessi o lasciate che sia vostro figlio a farlo. In questo caso, spiegare le malattie è molto importante.

Siate concreti. Susan Linn, una psicologa alla Harvard Medical School, suggerisce di evitare le emozioni o di entrare nei dettagli. Sappiate che vostro figlio vi sta ascoltando. Fate attenzione a come descrivete le persone con disabilità. Evitate termini obsoleti e dispregiativi come “storpio”, “ritardato” e “handicappato”.

Separate la persona dalla condizione. Dite “il bambino che ha l’autismo” invece di “il bambino autistico”. Inoltre, evitate di riferirvi a bambini non disabili come “normali”, poiché ciò implica un’anormalità o un difetto negli altri. Quando voi e vostro figlio incontrate qualcuno con una disabilità, non c’è bisogno di dire cose come “Non fissare” o “Andiamo avanti”. Le persone con disabilità possono sentirsi stigmatizzate da chi le evita, e vostro figlio potrebbe avere l’impressione di non potervi fare domande.

Invece, quando vostro figlio vi fissa e dice: “Cos’ha quella signora?”, spiegate semplicemente che la persona cammina o comunica in modo diverso.

spiegare disabilità
spiegare disabilità

Sottolineate ciò che è uguale. Un bambino può essere disabile, ma è sempre un bambino. Parlate con vostro figlio di ciò che un compagno di classe o un vicino di casa con una disabilità ha in comune con gli altri – la stessa età, la scuola o lo sport preferito.

Insegnate la consapevolezza e la sensibilità. Se vostro figlio inizia a fare domande dettagliate, offritevi di aiutarlo a trovare le risposte a casa. Cercate online insieme per saperne di più su una particolare disabilità. Assicuratevi di non sottolineare solo ciò che le persone con disabilità non possono fare, ma anche ciò che possono fare.

Risposte alle domande di vostro figlio sulle disabilità

“Perché non parla come me?” Se conoscete la risposta o potete indovinare, ditelo a vostro figlio in termini che possa capire: “Ha problemi con i muscoli che rendono difficile parlare”.

“È ritardato o qualcosa del genere?”. Fate sapere a vostro figlio che “ritardato” non è una bella parola e dite: “Il suo cervello funziona in modo diverso, quindi ha più difficoltà di voi a parlare e imparare. Ma per il resto è come tutti gli altri”.

“Perché si comporta così?” Parlate di come le persone con disabilità a volte lottano con cose diverse. Per esempio, dite a vostro figlio quanto sia difficile per un bambino con autismo comunicare e quanto possa essere frustrante. Alcuni di questi bambini hanno degli sfoghi non perché sono cattivi, ma perché non possono comunicare i loro pensieri e sentimenti.

“Perché non va nella nostra scuola?” Spiegate che alcuni bambini hanno bisogno di andare in una scuola che può dare loro un aiuto extra per leggere, scrivere, camminare, parlare o giocare con gli altri.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli