I disagi più comuni dell'allattamento al seno: quali sono

disagi comuni allattamento
disagi comuni allattamento

I disagi più comuni dell’allattamento al seno sono innumerevoli e possono essere molto frustranti. Nonostante i comprovati benefici per la salute della mamma e del bambino, l’allattamento al seno è un lavoro duro che presenta una serie di sfide uniche. Ecco alcuni dei più comuni disagi legati all’allattamento al seno e alcune delle nostre soluzioni preferite per affrontarli.

I disagi più comuni dell’allattamento al seno

A volte l’allattamento al seno fa male ai capezzoli

È normale avere i capezzoli doloranti, soprattutto quando si è alle prime armi con l’allattamento al seno. È anche bene ricordare che ogni bambino, ogni allattamento è diverso e ogni esperienza di allattamento sarà unica. Quindi non sentirti in colpa, mamma! Non abbiate paura di chiedere aiuto quando ne avete bisogno e ricordate di utilizzare una crema specifica per capezzoli.

I dotti ostruiti sono i peggiori

Dovete allattare (o tirare il latte) spesso, altrimenti il dolore sarà molto forte. Se notate una protuberanza dura nel seno, un arrossamento o iniziate a sentire febbre e dolori, potreste avere un’infezione (nota come mastite). È probabile che dobbiate rivolgervi al medico perché potrebbe essere necessaria la prescrizione di un antibiotico per risolvere il problema. Cercate di non far passare troppo tempo tra una poppata e l’altra o tra un tiralatte e l’altro.

Anche il mughetto non è divertente

Il mughetto è un’infezione da lievito nella bocca del bambino, che può diffondersi anche al seno. Può causare prurito, dolore e persino un’eruzione cutanea. È bene consultare il medico: potrà prescrivervi un antimicotico per voi e per il bambino. Entrambe devono essere trattate contemporaneamente, altrimenti la malattia si trasmetterà da una parte all’altra.

disagi comuni allattamento al seno
disagi comuni allattamento al seno

Il bambino continua ad addormentarsi durante l’allattamento

L’allattamento al seno tende a rendere il bambino (e la mamma) un po’ sonnolento. Ciò è dovuto all’ormone (ossitocina) rilasciato durante l’allattamento. Il flusso di latte è più rapido subito dopo la discesa. Iniziate dal seno più pieno, poi passate all’altro seno quando avete finito il primo. Se notate che il bambino si appisola, staccatelo dal seno e cercate di stimolarlo – fategli fare il ruttino, cambiategli il pannolino, fategli il solletico ai piedi – poi cercate di passare all’altro seno. Con il tempo la situazione dovrebbe migliorare.

Scarsa disponibilità di latte

L’allattamento al seno è un processo di domanda e offerta. Se volete produrre più latte, dovete allattare o tirare più spesso, bere molta acqua, mangiare abbastanza calorie e riposare molto. Queste sono solo alcune idee per aumentare l’offerta di latte.