Disastro ambientale: come parlarne al bambino

·3 minuto per la lettura
disastro
disastro

Un disastro può colpire profondamente i bambini. Non importa se l’evento è naturale (un’inondazione o un incendio) o causato dall’uomo (una sparatoria in una scuola o una rivolta). Un evento del genere impatta sul profondo bisogno di un bambino di vedere il mondo come un luogo sicuro e prevedibile. Un bambino delle elementari può avere una serie di reazioni. Se non è direttamente colpito dall’evento, e non è stato esposto a ripetute immagini televisive di disastri o a molti discorsi spaventosi nel cortile della scuola, un giovane scolaro può essere relativamente ignaro.

Un bambino di seconda o terza elementare, tuttavia, può essere sorprendentemente in sintonia. Può avere domande – o può non averne. I bambini che affrontano altri traumi nello stesso momento, come un divorzio o una morte in famiglia, hanno maggiori probabilità di soffrire di ansia. Ma anche se tutto il resto della sua vita va bene, il vostro bambino delle elementari può raccogliere abbastanza informazioni da diventare preoccupato e timoroso. Può piagnucolare o aggrapparsi di più, fare brutti sogni di notte o lamentarsi del mal di stomaco.

Dategli molti abbracci e coccole. Incoraggiatelo a dormire con il suo peluche preferito se lo desidera, anche se non ha voluto il suo orsacchiotto nel letto con lui negli ultimi due anni. Osservate i segni non verbali dell’ansia, come modelli di sonno interrotti, disegni arrabbiati o tristi, o un gioco insolitamente ritirato o aggressivo con altri bambini.

“Gli anni di picco della vulnerabilità da trauma sono dai 6 ai 10 anni circa”, dice James Garbarino, co-direttore del Family Life Development Center alla Cornell University. “È quando i bambini hanno un accesso più indipendente alle informazioni, perché sono fuori casa e a scuola. Inoltre, le semplici rassicurazioni che funzionano per i bambini molto piccoli sono trasparenti per un bambino più grande. Infine, il loro cervello non è ancora abbastanza maturo fisicamente per capire o gestire l’eccitazione e la paura“.

Come parlare di un disastro

Siate brevi e rassicuranti. Un bambino delle elementari può fare una domanda che sembra solo tangenzialmente collegata al disastro specifico, come “Cosa succede quando moriamo?”. Potete usare la sua domanda come trampolino di lancio per parlare della morte, ma in questo caso la sua preoccupazione di fondo è davvero: “Sono al sicuro?”. Rassicuratelo che non è in pericolo e che anche voi e il resto della famiglia siete al sicuro. “Stiamo tutti bene e staremo bene” sono parole importanti per lui da sentire.

Convalidate i suoi sentimenti. Resistete all’impulso di dire: “Non essere triste/preoccupato”. I suoi sentimenti sono reali e ha bisogno di poterli esprimere. Piuttosto, potete dire: “So che potresti essere preoccupato perché hai sentito molto parlare di quella brutta alluvione. Per fortuna qui non ci sono alluvioni e l’acqua non può arrivare fino a casa nostra”.

spiegare disastro bambini
spiegare disastro bambini

Usate l’evento per insegnare l’empatia e la tolleranza. Un bambino potrebbe aver sentito che un attacco terroristico è stato provocato da “persone cattive che si sono arrabbiate”. Ricordategli che le persone non dovrebbero usare la violenza per esprimere la rabbia. “Tutti si arrabbiano a volte, ma cerchiamo di non ferire le altre persone. Cerchiamo di usare le parole per risolvere i nostri problemi”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli