Disegnarsi le occhiaie è il trend di TikTok che porta gloria alla conquista dell'accettazione di sé?

Di Redazione Digital
·2 minuto per la lettura
Photo credit: Getty Images
Photo credit: Getty Images

From Cosmopolitan

Ne abbiamo viste tante di tendenze beauty diventate virali su TikTok, dai capelli mossi grazie al termosifone allo stile delle Alt Girls, e ora il social in netta ascesa ci propone un trend nel nome della body positivity. Disegnarsi le occhiaie e le borse sotto agli occhi è infatti l'ultima trovata di TikTok e no, non si tratta solo di un tutorial trucco ma c'è di più, c'è di più!

Tutto è iniziato quando la tiktoker Sara Cartens ha postato un video in cui sottolinea le sue occhiaie utilizzando un rossetto mat color terra e questo è diventato virale, sia sul social che su Twitter. Attirando il buzz intorno a sè lei ha visto, in pochissimo tempo, crescere l'interesse verso il suo video e il suo profilo, approfittando dei suoi "15 minuti di celebrità" per spiegare il motivo dietro a questo contenuto. "Ho avuto le occhiaie per tutta la mia vita e ho visto che è un'insicurezza per molte di noi. Così ho pensato di creare un tutorial per accettare e valorizzare le mie occhiaie piuttosto che coprendole."

E ad oggi sono tante le ragazze e i ragazzi che su TikTok hanno accettato la sfida, magari un po' per gioco o per abbattere la noia di questo periodo (ormai, anno!🙈) , ma sicuramente è un passo in avanti verso l'accettazione di sè e la varietà di visi che vediamo sui social. Sono tantissimi i tutorial, gli articoli e le ricerche internet volte alla copertura delle occhiaie, mentre ora questo ritorno alla realtà e l'invito a fare pace con i propri "difetti fisici" rientra nella tendenza a mostrarsi per come si è, cosa che abbiamo già apprezzato in star come Matilda De Angelis, Leni Klum o Ashley Graham. Disegnarsi le occhiaie fa però un ulteriore passo avanti perché invita, anche chi non le ha, a provare e sperimentare per mettersi nei panni di chi ha questa condizione naturale, oltre che a renderle più "accettate" dai nostri occhi abituati a vedere volti piallati e perfetti. Un invito all'empatia che noi accettiamo volentieri.