Disputa con un insegnante: quando coinvolgere il preside?

·2 minuto per la lettura
disputa con un insegnante
disputa con un insegnante

Quando coinvolgere il preside in una disputa con un insegnante? Solo dopo aver incontrato l’insegnante per discutere le vostre preoccupazioni. È meglio affrontare la maggior parte dei problemi legati alla scuola dal basso verso l’alto.

Quando coinvolgere il preside in una disputa con un insegnante?

Come le aziende e i militari, le scuole seguono una catena di comando. Se avete un problema con una politica o un incidente a scuola, parlate prima con l’insegnante di vostro figlio per vedere se potete risolvere il problema insieme.

Se non siete soddisfatti, allora organizzatevi per parlare con la persona successiva nella gerarchia – e fate sapere all’insegnante la vostra intenzione. Potete invitarlo a partecipare all’incontro. È sempre meglio essere onesti e diplomatici con tutte le persone coinvolte.

Come costruire un buon rapporto con l’insegnante

Cercate di conoscere subito l’insegnante. È meglio parlare con l’insegnante prima che emerga un problema. Anche se alcuni insegnanti potrebbero voler aspettare fino alla prima conferenza programmata dalla scuola per incontrarsi, cercate di organizzare almeno una breve conversazione all’inizio dell’anno.

Tenetevi regolarmente in contatto. Usate il vostro primo incontro per creare un piano per rimanere in contatto regolare durante l’anno.

Forse potete passare delle note avanti e indietro in un quaderno a spirale o in un diario bianco ogni settimana; un breve commento o due saranno sufficienti.

Dite grazie. Passate i complimenti, i suggerimenti e le critiche. Tutti apprezzano una parola gentile. Se vostro figlio torna a casa parlando di quanto sia stata divertente la scuola quel giorno, fatelo sapere all’insegnante.

disputa con un insegnante preside
disputa con un insegnante preside

Rimanete coinvolti nella classe. Anche se lavorate a tempo pieno, potete comunque aiutare. Un piccolo gesto dimostra che ci tenete molto. Potreste raccogliere materiale artistico per un progetto di classe e lasciarlo a scuola. In alcuni casi, potreste anche essere aiutanti di classe per un tempo preciso.

Parlate della scuola a casa. Chiedete ogni giorno a vostro figlio della scuola. Domande come “Com’è andata a scuola?” sono troppo vaghe. Cercate di fare domande specifiche, come: “Il tuo amico Paolo è tornato a scuola oggi?” o “Hai potuto fare una passeggiata oggi o pioveva troppo?”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli