Disturbi persistenti dopo l'infezione da Coronavirus

·2 minuto per la lettura
sindrome post covid
sindrome post covid

Oltre ai sintomi del virus, ai pazienti contagiati toccherà accettare anche una possibile sindrome post-Covid, detta anche “Long Covid”, la quale si presenta appunto una volta sopraggiuntà la negatività. I sintomi possono essere più o meno gravi, e variare nel tempo. Vediamoli.

Sindrome post-Covid: cos’è?

Il dottor Marco Massari di malattie infettive a Reggio Emilia allerta sulla possibilità di sviluppare una sindrome post-Covid-19, la quale può causare danni più o meno consistenti a chi la vive. Si tratta di effetti collaterali diretti del Coronavirus, che il paziente può portarsi dietro anche nel futuro.

I sintomi dopo il virus

I più coinvolti durante l’infezione da Covid sono i polmoni. Le persone che sono state contagiate dal virus e che hanno sviluppato una polmonite bilaterale grave possono, dopo la avvenuta guarigione, continuare a soffrire di fibrosi polmonari – una specie di cicatrici sugli organi – che in alcuni casi potrebbero anche non sparire. Altri deficit che interessano i polmoni possono invece essere meno limitanti, e passare dopo qualche settimana di affaticamento.

Altri sintomi che possono perdurare in questa sindrome post-Covid, sono quelli tipici delle influenze: dolori muscolari e toracici, stanchezza, ma anche fiato corto e ansia, difficoltà a concentrarsi e dormire.

Quando si guarisce del tutto

Nonostante questa sintomatologia, la sindrome post-Covid-19 non rende le persone contagiose. Sono effetti dovuti all’infezione che si trascinano nel tempo. Possono varirare le tempistiche di guarigione: poche persone presentano questi sintomi dopo oltre tre mesi. La maggior parte di essi si estingue infatti entro un mese e mezzo.

Quel che è importante è non farsi prendere dal panico, rimanere in contatto con altre persone, soprattutto quelle che vivono la stessa condizione. E’ importante fare attività fisica adeguata alle esigenze e dunque non eccessiva. Quando si ha la mente offuscata è bene fermarsi, e ricominciare l’attività dopo un po’ di tempo. Chi abbia invece sintomi più gravi dev’essere seguito da uno specialista.