Diverticoli: ecco l'alimentazione corretta

·2 minuto per la lettura
dieta diverticoli
dieta diverticoli

I diverticoli sono delle piccole ernie che sorgono nella mucosa intestinale e si presentano sotto forma di prominenze arrotondate. Queste interessano il colon, soprattutto il tratto discendente e il sigma. Risulta raro che colpisca i soggetti giovani, infatti è frequente dopo i 60 anni. Chi soffre di diverticoli dovrebbe seguire una dieta specifica in maniera da sfiammare e permettere una corretta funzionalità intestinale.

La migliore dieta per i diverticoli

La dieta per i diverticoli prevede l’assunzione di grandi quantità di fibra ogni giorno. In particolare questa dovrebbe arrivare a raggiungere i 40 grammi giornalieri. Per rispettare questo è fondamentale mangiare molta frutta e verdura. Inoltre è essenziale anche bere molta acqua per fare in modo che il volume delle feci aumenti: cercate di bere almeno 2 litri al giorno e mangiate alimenti ricchi di acqua. Cercate anche di eliminare i grassi o almeno di ridurli il più possibile. Lo stesso vale anche per gli alimenti dolci e ricchi di zuccheri che andrebbero consumati con grande moderazione.

Vi consigliamo di cucinare in maniera sana e quindi di cuocere gli alimenti senza aggiungere grassi. In particolare previlegiate le cotture a vapore, alla griglia, alla piastra, in padella antiaderente o anche con la pentola a pressione. Evitate assolutamente la frittura e i bolliti di carne perchè risultano essere troppo grassi.

Fate attenzione a non esagerare con la caffeina e limitate anche il latte. Previlegiate i latticini con poco lattosio, ad esempio tra i formaggi cercate di consumare Grana Padano in quanto naturalmente privo di lattosio. Tra le carni, preferite quelle bianche come coniglio, pollo e tacchino oppure scegliete esclusivamente tagli magri di carne rossa.

Assumete quantità elevate di vitamina D, infatti questo nutriente è molto utile per combattere la malattia diverticolare. Questa vitamina è stata a lungo studiata ed è risultata utile per la prevenzione del problema.