Dolore da ovulazione, come riconoscerlo e quali sono i sintomi

·4 minuto per la lettura
Dolore da ovulazione
Dolore da ovulazione

Alcune donne sentono il dolore dell’ovulazione quando le ovaie rilasciano una cellula uovo, di solito circa a metà del loro ciclo mestruale. I crampi dell’ovulazione sono in genere lievi, ma possono variare da leggermente fastidiosi a dolorosi. Sono perfettamente normali, infatti i crampi dell’ovulazione segnalano una finestra di fertilità.

Se tuttavia sperimentate un dolore grave o persistente durante l’ovulazione, parlatene con il vostro dottore.

Cos’è il dolore da ovulazione?

Il dolore da ovulazione è una sensazione che puoi sentire quando le tue ovaie rilasciano una cellula uovo. Di solito succede a metà strada, circa il 14° giorno, in un ciclo mestruale medio di 28 giorni. Il dolore si chiama mittelschmerz, che in tedesco significa “dolore di mezzo”.

I crampi sono perfettamente naturali e non sono un segno che qualcosa non va. Infatti, se stai cercando di rimanere incinta, il dolore da ovulazione può aiutarti a identificare la tua finestra di fertilità. Non tutti provano dolore da ovulazione, ma colpisce più del 40% delle donne in età riproduttiva. Per queste donne, il dolore dell’ovulazione si verifica nella maggior parte dei mesi.

Potresti anche avere spotting o perdite molto leggere insieme al dolore dell’ovulazione.

Com’è il dolore da ovulazione?

Il dolore di solito viene percepito sotto forma di leggeri crampi o fitte nell’addome. Può essere sordo e doloroso, simile ai crampi mestruali, oppure può essere acuto e improvviso. Raramente il dolore è grave.

Di solito è sentito su un lato, quello che ha rilasciato un uovo, ma il dolore dell’ovulazione si può percepire anche al centro dell’addome o nella parte bassa della schiena. Per la maggior parte delle donne, i lati si alternano di mese in mese, anche se non sempre. Alcune donne hanno provano ogni mese e altre lo sentono solo occasionalmente. L’intensità è maggiore all’inizio, poi si attenua nel corso dei giorni successivi.

Se il dolore è forte, potresti avere anche la nausea.

Cause dei crampi

Gli esperti non sono sicuri della causa esatta dei crampi durante l’ovulazione, ma il dolore può essere il risultato di:

  • L’uovo che si allarga proprio prima dell’ovulazione, allungando la superficie dell’ovaio

  • La rottura del follicolo quando l’uovo viene rilasciato da esso

  • La rottura del follicolo che rilascia fluido o sangue insieme all’uovo. Il fluido e il sangue possono irritare il rivestimento dell’addome

A proposito, non avrai dolore se prendi la pillola o hai uno IUD ormonale, perché questi metodi di controllo delle nascite impediscono l’ovulazione. Il dolore di solito dura solo pochi minuti o poche ore, anche se può durare fino a un giorno o due.

Come gestire il dolore

La maggior parte delle donne non ha bisogno di un trattamento per il dolore dell’ovulazione. Se i crampi dell’ovulazione sono molto fastidiosi, puoi provare:

  • Antidolorifici da banco, come l’ibuprofene

  • Un cuscinetto riscaldante

  • Un bagno caldo

  • Riposo

Se il tuo dolore è grave e cronico, e non sei interessata a rimanere incinta, puoi chiedere al tuo medico la pillola anticoncezionale o altri anticoncezionali ormonali che impediscono l’ovulazione.

Quando chiamare il dottore

Potresti aver bisogno di contattare il dottore quando subentrano i seguenti sintomi:

  • Febbre

  • Dolore durante la minzione

  • Nausea e vomito

  • Pelle rossa o che brucia dove si trova il dolore

  • Diarrea o costipazione

  • Segni precoci di gravidanza o un test di gravidanza positivo

  • Mestruazioni mancanti

  • Sanguinamento vaginale tra le mestruazioni

  • Perdite vaginali maleodoranti o insolite

Se il tuo dolore è ricorrente, potresti voler monitorare quando accade durante il tuo ciclo.

Il dolore addominale grave o persistente può essere un segno di:

  • Gravidanza ectopica (quando l’uovo fecondato cresce fuori dall’utero)

  • Una ciste ovarica (una sacca piena di fluido nell’ovaio)

  • Endometriosi (il tessuto che normalmente riveste l’utero cresce al di fuori di esso)

  • Appendicite (infiammazione dell’appendice, che è un piccolo organo in cima all’intestino crasso)

  • MST o altre infezioni

  • Malattia infiammatoria pelvica (PID, un’infezione nel tratto genitale superiore)

  • Tessuto cicatriziale da un intervento chirurgico, incluso un parto cesareo

Potresti aver bisogno di un esame pelvico, un esame addominale, un’ecografia addominale o vaginale, e altri test per escludere cause diverse da un normale dolore.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli