Dombrovskis, 'licenze obbligatorie vaccini legittime in pandemia'

·1 minuto per la lettura

Anche se "le licenze volontarie sono più efficaci" nel favorire l'aumento della produzione di vaccini anti-Covid, "le licenze obbligatorie sono perfettamente legittime davanti ad una pandemia". Lo dice il vicepresidente esecutivo della Commissione Europea Valdis Dombrovskis, intervenendo nella sessione plenaria del Parlamento Europeo a Bruxelles. L'Ue, spiega Dombrovskis che ha la delega al Commercio, presenterà presto alla Wto "una proposta" basata su tre pilastri: "Facilitazione del commercio e disciplina delle limitazioni all'export; espansione della produzione di vaccini; un chiarimento sulle flessibilità incluse nell'accordo Trips".

La priorità, continua Dombrovskis, è "incrementare la produzione" di vaccini contro la Covid-19 e "bisogna fare di più", anche se ci sono già circa "200 accordi" tra aziende farmaceutiche per produrre vaccini, che prevedono anche il trasferimento tecnologico, cosa diversa dal brevetto e indispensabile per realizzare prodotti biologici complessi come i vaccini. Finora, sottolinea il politico lettone, l'Ue "ha esportato il 50% della produzione, oltre 200 mln di dosi verso 45 Paesi". La licenza obbligatoria è una delle "flessibilità" incluse nell'accordo Trips (Agreement on Trade Related Aspects of Intellectual Property Rights), che prevede la possibilità di affidare ad aziende terze la produzione di un farmaco o di un vaccino coperto da brevetto, in cambio del versamento di royalties al titolare della proprietà intellettuale.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli