Trump contro i medici: "Fanno più soldi se qualcuno muore di Covid"

Carlo Renda
·Vicedirettore HuffPost
·2 minuto per la lettura

“I nostri medici fanno più soldi se qualcuno muore di Covid. Voi lo sapete... Sono persone intelligenti. Così nel dubbio scelgono di dire che sono morti di Covid”. È l’attacco lanciato da Donald Trump durante un comizio in Michigan. Il presidente sembra così cavalcare la teoria del complotto in base alla quale medici avidi e personale sanitari conteggiano più morti di coronavirus rispetto alla realtà. Trump ha affermato che ogni decesso per Covid “vale 2 mila dollari” senza spiegare ulteriormente il concetto.

“L’idea che i medici, nel mezzo di una crisi sanitaria pubblica, gonfino i numeri sui pazienti di Covid-19 per riempirsi le tasche è una calunnia, un’accusa offensiva e sbagliata”, afferma Susan Bailey, presidente dell’American Medical Association. “Invece di attaccarci e cavalcare accuse prive di fondamento, i nostri leader - aggiunge Bailey - dovrebbero seguire la scienza e chiedere il rispetto delle misure che sappiamo che funzionano, ovvero indossare la mascherina, lavarsi le mani e praticare il distanziamento sociale”.

Almeno 625 operatori sanitari americani sono morti di coronavirus dall’inizio della pandemia.

“I dottori e gli infermieri vanno a lavoro ogni giorno per salvare vite, fanno il loro lavoro. Donald Trump dovrebbe smetterla di attaccarli e fare il suo lavoro” replica Joe Biden.

Nel frattempo gli Usa registrano il nuovo record di casi quotidiani, con 97mila nuovi contagi, secondo il bilancio di Covid Tracking Project. Numeri che superano il precedente record, registrato giovedì con 88.521 nuovi contagi. Il nuovo picco della pandemia avviene all’inizio della stagione invernale che, prevedono gli esperti, è destinata a peggiorare l’aumento dei contagi. “Questo è il momento più difficile per la pandemia, i prossimi due mesi, non possiamo abbassare la guardia ora”, ha detto Scott Gottlieb, ex commissario della Food and Drug Administration in un’intervista.

Stando alla Johns Hopkins University, gli Stati Uniti hanno superato la
soglia dei 9 milioni di casi, mentre i decessi sono 229.293.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.