Donatore e ricevente positivi al Coronavirus: trapianto perfettamente riuscito

·2 minuto per la lettura
Trapianto di fegato a Torino con donatore e riceventi positivi al Covid-19
Trapianto di fegato a Torino con donatore e riceventi positivi al Covid-19

Intervento record all’ospedale Molinette di Torino per un paziente positivo al Coronavirus che ha donato il fegato a un altro anch’egli positivo. L’operazione è avvenuta grazie all’equipe guidata dal professor Renato Romagnoli: si tratta del primo caso al mondo.

Trapianto di fegato tra positivi al Covid: l’intervento

L’uomo è stato sottoposto all’operazione nella notte tra il 10 e l’11 dicembre della durata di 9 nove. Dopo aver prelevato il fegato della donatrice positiva al Covid-19 si è proceduto con l’esportazione presso l’ospedale di Domodossola. Al contempo, invece, il ricevente è stato sottoposto a tutti gli accertamenti necessari per procedere con il trapianto, oltre che come da prassi a un tampone nasofaringeo per accertare la positività/negatività al virus. Nonostante il tampone positivo, e vista anche l’urgenza del trapianto, l’equipe ha scelto di procedere.

La sanità italiana continua a macinare risultati sempre importanti per la salute dei pazienti: è recenti la storia di un tumore di 20 chilogrammi asportato al Cardarelli di Napoli.

  1. LEGGI ANCHE: Un altro trapianto record

La scelta

Il paziente, visto il peggioramento delle condizioni del fegato a causa di un tumore, ha scelto di sottoporsi all’intervento con il fegato sano donato da una donna positiva al Covid-19. L’uomo era in lista d’attesa da metà ottobre risultando positivo al Coronavirus i primi di novembre. Per fortuna l’offerta dell’organo è stata ben accetta dal Centro Trapianto di Fegato di Torino che si è attivato con l’uomo di 63 anni affetto da cirrosi complicata neoplastica epatica primitiva.

Come sta il paziente

Dopo un periodo di rianimazione Covid 1 è stato estubato. La funzione respiratoria è nella norma, così come gli esami radiologici che hanno controllato i polmoni. Intanto l’infezione causata dal Covid-19 è in via di risoluzione: a breve seguirà sicuramente un trasferimento presso l’Area Semintensiva del Centro Trapianto Fegato.