Dopo il successo di Mina Settembre, Serena Rossi mamma innamorata

Di Redazione Gente
·4 minuto per la lettura
Photo credit: Serena Rossi e Davide Devenuto
Photo credit: Serena Rossi e Davide Devenuto

From ELLE

Finisce Mina Settembre, la serie di Raiuno ispirata ai racconti di Maurizio De Giovanni, ambientata nel Rione Sanità di Napoli, dove un’assistente sociale dal cuore grande cerca di sistemare la vita degli altri anche se la sua è la prima a non essere perfetta. E finisce in trionfo, con quasi sette milioni di telespettatori a sera che già si chiedono se ci sarà una seconda stagione, tutti pazzi per la protagonista e le sue umanissime vicende, tra amori duri a morire, nuove passioni da coltivare, una madre rompiscatole da sopportare e via di questo passo. Quel che continua, invece, è il momento d’oro di Serena Rossi, che interpreta la simpatica Mina sul piccolo schermo. Napoletana doc come il suo personaggio, artista vivacissima, completa e versatile, in 35 anni ha fatto di tutto e di più e promette di non fermarsi. Ha esordito come cantante e proseguito come attrice, trovando fortuna in Tv con la soap Un posto al sole, al cinema nelle pellicole dirette dai Manetti Bros (quelli di Ammore e malavita, miglior film ai David di Donatello 2018), persino come imitatrice a Tale e quale show, dove ha vinto la quarta edizione nel 2014. E ancora, ha prestato la voce alla principessa Anna nelle canzoni del cartone animato Frozen, il volto a Mia Martini del film Io sono Mia di Riccardo Donna; di recente ha partecipato all’ultimo show di Beppe Fiorello, Penso che un sogno così, andato in onda a gennaio, e presto ne condurrà uno tutto suo, La canzone segreta, in programma per metà marzo. A Netflix, invece, che la voleva per la versione italiana di This is us, pare abbia detto di no per paura di trascurare troppo la famiglia.

Photo credit: Serena Rossi, foto di Marco Rossi
Photo credit: Serena Rossi, foto di Marco Rossi

Perché sì, Serena è una donna in carriera che più in carriera non si può, con un’agenda fitta d’impegni e la testa piena di progetti e sogni da realizzare, ma ha anche una relazione di lungo corso e un figlio di quattro anni da crescere. Da dodici è legata a Davide Devenuto, collega conosciuto sul set di Un posto al sole e da allora mai lasciato. Diventati genitori di Diego nel 2016, in Mina Settembre i due sono tornati a lavorare insieme dopo tanto tempo, uscendo indenni anche da questa prova che avrebbe potuto rivelarsi insidiosa. Nella fiction, infatti, Denevuto e la Rossi non sono una coppia: lui interpreta il marito di Christiane Filangieri, lei amoreggia con il bel ginecologo interpretato da Giuseppe Zeno. Morale: davanti alla macchina da presa, entrambi - soprattutto Serena - erano tenuti a dispensare baci e carezze a qualcun altro. Nelle scene più bollenti, però, al posto dell’attrice è intervenuta una controfigura. «Ma anche se le avesse girate lei, facendo questo mestiere non ci avrei visto malizia», assicura lui in un’intervista al sito di informazione fanpage. E lascia intuire di non essere il più geloso dei due.

Photo credit: Serena Rossi e Davide Devenuto
Photo credit: Serena Rossi e Davide Devenuto

E neanche il più impaziente di convolare a nozze, a dirla tutta. A febbraio 2019 l’attore aveva fatto rimanere tutti di stucco, a partire da Serena stessa, dichiarando in diretta Tv di volerla sposare. La Rossi era ospite di Mara Venier a Domenica in, quando lui, raggiunto in collegamento telefonico, l’ha buttata lì: «Ma sì, facciamolo, ci vorrà un annetto per organizzare, magari zia Mara ci dà una mano. Facciamolo nel 2020». La Rossi, basita, aveva gli occhi che brillavano: la sorpresa sembrava genuina, il siparietto non dava l’idea di essere preparato. Ci siamo commossi un po’ tutti. Peccato che poi di annetti ne siano passati due e che Serena e Davide, complice la pandemia ancora in corso, all’altare non ci siano mai arrivati, almeno per ora. Certo, nel frattempo di cose ne hanno fatte altre, non meno importanti: durante il primo lockdown di marzo hanno persino fondato Spesa Sospesa, un’associazione benefica ispirata alla tradizione napoletana del caffè sospeso, con la quale hanno già raccolto più di 650 mila euro per aiutare persone in difficoltà con beni di prima necessità. Ma delle nozze nessuna traccia. Niente preparativi, niente data, niente di niente. Un po’ è colpa del Covid, ché per sposarsi con le mascherine, il distanziamento sociale e il gel disinfettante al posto del riso bisogna proprio non star più nella pelle. Il resto è divergenza d’opinioni sul grande giorno. Devenuto confessa di desiderare un evento raccolto: una firma in Comune davanti a pochi intimi, poi tutti a casa. Quanto basta per legalizzare l’unione. Lei, al contrario, sogna la cerimonia in chiesa, il pranzo con parenti e amici, il festone. Il promesso sposo si intimidisce, immaginandosi una scena in perfetto stile Boss delle cerimonie di cui non vede l’utilità. In fondo stanno insieme da una vita, hanno una casa, un bambino. «Per quanto mi riguarda siamo già una coppia sposata e il nostro matrimonio si basa sul fatto che ci vogliamo bene», dice ancora a fanpage. Poi però spiega che un giorno si sposeranno sul serio. «Vorrei avvenisse alle mie condizioni, ma in casa comanda lei». Le donne, si sa, in queste cose la spuntano sempre. Scommettiamo che il 2021 sarà l’anno giusto per il grande evento?

Testo di Federica Capozzi

Tutte le foto sono state pubblicate da Gente