Dovrei pagare mio figlio per i buoni voti?

·2 minuto per la lettura
pagare il bambino per i buoni voti
pagare il bambino per i buoni voti

Dovreste pagare il bambino per i buoni voti? No. Le ricompense vanno bene, ma dovreste insegnare a vostro figlio che i compiti e la scuola sono responsabilità, non qualcosa che si fa semplicemente per soldi. Se pagate per i buoni voti, rafforzate l’idea che vostro figlio lavora per soldi, non per imparare. In questo caso, è essenziale gestire la paghetta in modo sano e produttivo.

Dovreste pagare il bambino per i buoni voti?

Alcuni bambini che vengono pagati per i voti iniziano a pensare: “Perché dovrei farlo se non mi paghi?”. Per premiare un lavoro eccezionale o un’ottima pagella, provate attività come portare la famiglia a cena fuori nel ristorante preferito di vostro figlio od offrirgli una coppa di gelato speciale per festeggiare (lo studente onorario può scegliere le guarnizioni e i gusti del gelato).

Si potrebbe anche usare una buona pagella come prerequisito per altri privilegi. Per esempio, fate sapere a vostro figlio che se torna a casa con buoni voti, potrà fare un pigiama party, o porterete un gruppo di suoi amici in un parco acquatico o in una pista di pattinaggio o al cinema.

Come insegnare il valore dei soldi

Andate a un mercatino. I mercatini di solito sono pieni di cose per bambini. I bambini più piccoli ameranno scegliere un libro o un giocattolo in questo “negozio esterno”. E i bambini più grandi scopriranno rapidamente che i loro soldi della paghetta si estendono molto di più qui che al centro commerciale. In seguito, potrete essere felici di aver fatto un ottimo affare.

Se alla vostra famiglia piace dormire il sabato, portate invece i bambini al negozio dell’usato locale. Entrambi sono meravigliose opportunità per parlare di riutilizzo e riciclaggio.

pagare il bambino per i buoni voti consigli
pagare il bambino per i buoni voti consigli

Visitare la banca. Portare vostro figlio in banca vale più di un lecca-lecca gratis. Osservare le transazioni bancarie aiuta i bambini a capire cos’è il denaro contante. Lasciate che vostro figlio sia coinvolto il più possibile. Anche i bambini in età prescolare possono consegnare un assegno al cassiere.

Quando vostro figlio diventa più grande, considerate la possibilità di aprire un conto per lui e aiutatelo a imparare a tenere traccia dei suoi risparmi. Molte banche e cooperative di credito hanno conti speciali senza spese per i bambini, completi di materiale didattico e attività online.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli