Dunque, com'è andato questo 2020 del principe Harry e Meghan Markle senza la Royal Family?

Di Giovanna Gallo
·5 minuto per la lettura
Photo credit: Chris Jackson - Getty Images
Photo credit: Chris Jackson - Getty Images

From Cosmopolitan

Quando il principe Harry e Meghan Markle a gennaio 2020 (sembra una vita fa, vero?) hanno annunciato di voler mollare la famiglia reale britannica per fare le loro cose in santa pace e volarsene dall'altra parte del mondo, nessuno è rimasto sorpreso più di tanto. Si era capito che qualcosa non andasse quando Meghan di Sussex, durante il trionfale tour in Africa di ottobre 2019, si era messa a piangere in video ammettendo di non stare affatto bene nei suoi nuovi panni di Duchessa. E il bilancio del 2020 senza la famiglia reale del principe Harry e Meghan Markle passa necessariamente da quel momento di rottura, mai visto sullo schermo prima di quel momento: un royal che piange davanti alle telecamere? Ti sfidiamo a trovarlo.

Com'è andato il 2020 del principe Harry e Meghan Markle dopo il bye bye reale

Certo, è iniziato tutto un po' in malo modo. Il "Previously on Royal Family drama" comincia proprio con quell'exploit poco carino del nipote della Regina Elisabetta. E con il sito lanciato senza avvisare nessuno (neanche i loro fedelissimi) in cui erano Harry e Meghan a dettare le loro condizioni. Non vogliamo titoli, ma continuiamo a servire sua Maestà, scrivevano. Non siamo più senior royal ma ci teniamo la paghetta reale. Non avevano fatto i conti con la Regina Elisabetta e il meeting di emergenza che si è tenuto a Sadringham il 13 gennaio 2020, in cui è stato deciso il loro destino insieme al principe Carlo, al principe William e allo stesso Harry. Decisione finale: estromissione totale dalla famiglia reale, rinunce a molti privilegi, persino la restituzione dei fondi usati per ristrutturare Frogmore Cottage, la loro casa-lampo in UK. Per non parlare della perdita del marchio Sussex, che ha fatto pure sparire il loro popolatissimo profilo Instagram ufficiale.

Photo credit: Karwai Tang - Getty Images
Photo credit: Karwai Tang - Getty Images

E poi, com'è andata? C'è stato un po' di via vai, proprio all'inizio dell'anno terribile del Covid-19. Il più sfigato in assoluto, persino per un principe di stirpe reale e sua moglie. Sono stati sorpresi dalla pandemia a Vancouver Island, dove si erano rifugiati inizialmente con Archie per decidere il da farsi. Poi si sono trasferiti a Los Angeles, ma a quanto pare il principe Harry "la odiava". Poi l'acquisto della mega casa a Montecito, quartiere super cool nelle colline di LA. Nel mezzo un sacco di cause con la stampa, il vero, grande nemico del principe Harry. E pure un aborto, nell'estate 2020, che Meghan Markle ha dolorosamente raccontato sulle pagine del New York Times per sensibilizzare sul tema.

E soprattutto, sono spariti dai social: hanno detto addio ai fan di @Sussexroyal, essendo ancora poco Sussex e poco royal. E non hanno riaperto altri account anche perché dai, che progetti vuoi lanciare in grande stile nell'anno del distanziamento sociale e del "restiamo a casa"?

Eppure, i progetti di Harry e Meghan Markle sono andati avanti. E la nostra previsione che i Sussex sarebbero diventati una creatura mitologicacon le sembianze di Lady Diana, Beyoncé e Jay-Z e gli Obama (e pure un po' Oprah Winfrey, loro grande amica) è diventata realtà. In pochi mesi hanno chiuso più accordi di un magnate della finanza: prima con Netflix, per il quale produrranno documentari e progetti "di valore". Soldi a palate e risonanza mondiale. Poi la Fondazione Archewell, per la quale hanno assunto due donne super qualificate e sono prossimi al lancio nel 2021. E vogliamo parlare della carriera come imprenditrice di Meghan Markle, che ha investito in una startup di cibo organico? Nel mezzo c'è stata pure una biografia-non-autorizzata-ma-forse-un-pochino-sì che si chiama Finding Freedom e che odorava di restyling dell'immagine a chilometri di distanza.

Photo credit: Chris Jackson - Getty Images
Photo credit: Chris Jackson - Getty Images

Il libro non ti racconta nulla di nuovo - gossip sulla faida tra Meghan e Kate Middleton o sui litigi tra i fratelli William ed Harry impazzano da anni e in alcuni casi sono stati solo confermati o edulcorati - e poi è uscito fuori che Meghan Markle, dopo aver giurato e spergiurato di non aver partecipato alla stesura del libro, in realtà un pochino di cose all'autore Omid Scobie le aveva dette. Insomma, autogol reale. Ma intanto il libro ha macinato ristampe su ristampe e la popolarità del figlio di Lady Diana e sua moglie sta risalendo piano piano, dopo mesi di silenzio e caduta libera.

Com'è andato l'anno in cui i Sussex dovevano dimostrare al mondo che si può nascere principi ma ce la si può anche fare da soli? E che, in fondo, essere nella linea di successione al trono britannico è meno bello della prospettiva di poter crescere tuo figlio libero e felice e senza imposizioni? Spoiler: non tanto bene. Hanno beccato l'anno della pandemia e come i progetti di tutti, anche quelli del principe Harry e Meghan Markle si sono congelati a marzo 2020. Però hanno continuato a lavorare nell'ombra e a macinare migliaia di dollari. Hai presente quanto costa averli ospiti per uno speech? Ecco, non potremmo permetterceli né noi, né tu.

I rapporti con la famiglia reale, quel bel legame col fratello maggiore William dopo la morte della loro mamma? Evaporati. E ci può stare, se le tensioni familiari erano arrivate alle stelle: capita anche alle migliori famiglie, figuriamoci a quelle che vivono in un acquario come i membri della royal family britannica. Nel 2021 - stanne cerca - sentirai parecchio parlare di loro. Il loro anno di prova dato in concessione dalla Regina Elisabetta che in teoria scade ad aprile 2021, sarà probabilmente prorogato. E loro usciranno allo scoperto per quello che hanno sempre voluto essere (e stanno diventando): delle A-list celebrities, quelle di livello più alto e che tutti vogliono, per intenderci, che fanno filantropia e dibattono su temi importanti. Good luck, Harry e Meghan. Non ne avete bisogno, ma male non fa (visto com'è andato il 2020, poi...).