E se una suite sul lago di Como fosse il buen retiro per le pensatrici felici che siamo?

·3 minuto per la lettura
Photo credit: courtesy photo Il Sereno
Photo credit: courtesy photo Il Sereno

Conosco più di una persona che avrebbe bisogno di una vacanza. E sono certa anche voi. Perché al netto delle formule di benessere note ormai ai più - mangiare sano, fare movimento, dormire bene, ritagliarsi spazio per sé, tutte cose sacrosante ma che con le agende da pazzi che abbiamo non fanno che aggiungere stress allo stress - la verità è che se una volta ogni tanto ci fermassimo per davvero, contemplando il vuoto circondati dalla bellezza più assoluta godremmo - noi, e il mondo - di idee migliori. E allora sì che saremmo felici. Qui e ora. Ma non solo. Presto, datemi il ministero del benessere psico-fisico-economico-dellafamiglia-dellavoro etc.

Quindi. Quando dico che (vi) ho trovato il buen retiro per le pensatrici felici che siamo non solo dovreste credermi ma dovreste anche prendere in mano il telefono (non l'agenda per carità) e prenotare il vostro angolo di paradiso in Paradiso che, nello specifico, è quello finestrato della nuova Penthouse Suite de Il Sereno sul lago di Como.

Photo credit: courtesy photo Sara Magni
Photo credit: courtesy photo Sara Magni

Niente stile neoclassico rinascimentale che caratterizza le ville più belle (e note) del lago di Como, Il Sereno è un hotel di lusso contemporaneo. Potremmo dire di design ma senza che questa definizione diventi una boutade semplicistica. Perfettamente integrato nel paesaggio che lo circonda, questo hotel di lusso di proprietà di Luis Contreras unisce pulizia delle linee e ricercatezza nei dettagli leggi: una piscina a sfioro d’acqua dolce, una spa con vetrate sul lago dove il rumore delle onde potrebbe vincere qualsiasi challange di asmr, un ristorante stellato guidato dallo chef Raffaele Lenzi, il verde rigogliosissimo curato dal botanista francese Patrick Blanc e un arredamento studiato al centimetro dall’architetto di fama mondiale Patricia Urquiola. Fermiamoci qui.

Photo credit: courtesy photo Sara Magni
Photo credit: courtesy photo Sara Magni

Già, perché se tutte le suite de Il Sereno danno rigorosamente sul lago lasciando all'acqua il potere di calmare le ansie e riconnettersi con il mondo ecco che Patricia Urquiola nella nuova Penthouse Suite si è superata. Situata in un edificio nuovo separato idealmente ma impercettibilmente dal corpo centrale dell'hotel, che si tratti di una stanza fuori dal comune probabilmente lo avete già intuito ma sapere che una volta varcata la porta vi troverete davanti - oltre che a una vista pazzesca - alla più alta celebrazione dell'italianità dipanerà ogni dubbio più recondito. Centocinquanta metri quadrati, di cui trenta di terrazza e cinquanta di giardino, in cui ogni elemento che sia un pezzo d'archivio o una nuova creazione è posizionato strategicamente per incorniciare il paesaggio. Materiali esclusivamente made in Italy con un occhio di riguardo alle eccellenze comasche, dai pavimenti ai tessuti. Complementi d'arredo unici di Vico Magistretti, Gio Ponti, Franco Albini, Ettore Sottsass - a cui si aggiungono creazioni di Patricia Urquiola (molti di questi acquistabili su una pagina dedicata del sito, ndr). Chicche per veri intenditori come i bicchieri di 007 nel mobile bar, i soffitti che sono in legno di noce Canaletto, i muri in pietra Verde Alpi e i pavimenti in Ceppo di Gre.

Photo credit: courtesy photo Sara Magni
Photo credit: courtesy photo Sara Magni

Conosco più di una persona che avrebbe bisogno di una vacanza. E sono certa anche voi. E conosco più di una persona, e questa volta mi ci metto anche io, che regalandosi una pausa nella Penthouse Suite de Il Sereno sul lago di Como potrebbe ritrovare un contatto con la pensatrice felice affossata dal logorio della vita moderna cit. E di questo ne godremmo tutti, moltissimo.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli