Ecco perché per la cura dei capelli castani il tuo nuovo alleato è lo shampoo blu

Di Arianna Venegoni
·4 minuto per la lettura
Photo credit: Getty Images
Photo credit: Getty Images

From Cosmopolitan

Oggi ti sfatiamo un mito: non è vero che i capelli castani sono più facili da gestire di quelli biondi, perché hanno bisogno esattamente di altrettanta cura e lo shampoo blu dovrebbe essere uno dei tuoi primi acquisti se hai deciso di passare a una tinta scura. Ebbene sì, se pensavi che solo le bionde platino alla Katy Perry o le bionde miele alla Blake Lively dovessero prestare attenzione ai prodotti per capelli e utilizzare uno shampoo viola, non è così, perché se hai seguito le ultime tendenze e hai optato per un delizioso Chocolate Cake o un balayage su capelli castani, anche tu dovrai impegnarti a fare restare il tuo colore brillante esattamente come quando sei uscita dal parrucchiere a tinta appena fatta. E per facilitarti le cose, ti spieghiamo subito cos'è lo shampoo blu e come si usa.

Capelli castani, tutto quello che devi conoscere sullo shampoo blu

Shampoo blu, che cos'è?

Lo shampoo blu è un particolare shampoo che ha al suo interno dei pigmenti blu. Perché proprio questo colore? Se prendiamo come riferimento la ruota dei colori, vedrai che il colore blu è esattamente il complementare dell'arancione, aka come rischiano di scolorire i capelli dopo averli tinti su una base castana. Questo fenomeno ha diverse cause: l'esposizione al sole, il trattare i capelli con spazzole o strumenti termici come phon e piastre, l'inquinamento, il continuo lavaggio... quindi visto che sono cose che non possiamo evitare, dobbiamo utilizzare un tonalizzante capelli che vada a "tonalizzare" appunto, le sfumature ramate o arancioni che potrebbero comparire se abbiamo fatto una tinta sui capelli castani.

Chi dovrebbe usare lo shampoo blu?

Se hai scelto una tonalità di tinta cioccolato o hai fatto un balayage su capelli castani, lo shampoo blu è super consigliato, perché oltre ad evitare l'effetto arancione, andrà a dare dimensionalità al colore. Se hai capelli castani naturali, i pigmenti blu doneranno maggiore brillantezza e la tua nuance potrebbe mutare di qualche tono, semplicemente perché il castano sarà più intenso. Se questo effetto per te è un po' too much, don't worry, è solo temporaneo e con dei normali lavaggi sparirà automaticamente.

Quando e come si usa lo shampoo blu?

Lo shampoo blu si usa esattamente con uno shampoo normale: metti una o due noci di prodotto sulla mano e vai a massaggiarlo sulla chioma per qualche minuto così che possa agire, prima di sciacquare il tutto con acqua tiepida. Un paio di considerazioni: se hai capelli tinti in maniera uniforme, allora applica il prodotto dalle radici alle punte; contrariamente, se hai un balayage che parte da metà lunghezza, puoi tranquillamente escludere le radici. Fai attenzione perché lo shampoo blu macchia, quindi occhio alle pareti della doccia (o al lavandino) e lavati bene le mani. Una volta sciacquato bene lo shampoo blu, utilizza sempre il balsamo perché i capelli colorati hanno bisogno di un'idratazione maggiore rispetto a quelli che non lo sono. E con la combo shampoo blu + balsamo ti andrai ad evitare non solo l'effetto arancione ma anche quello paglietta dei capelli secchi. A questo aggiungiamo che sarebbe anche cosa buona e giusta fare una maschera per capelli almeno una volta a settimana.

Arriviamo quindi alla domanda più gettonata: lo shampoo blu lo utilizziamo ogni volta che laviamo i capelli? No, va usato 1-2 volte a settimana, non di più. Il motivo è molto semplice: avendo un'azione color correcting, contenendo lui stesso pigmenti colorati, si rischia di andare ad alterare il colore. Oltre a questo, i capelli potrebbero seccare troppo, rendendo vani tutti i benefici dello shampoo blu. Quindi, se sei una persona con un lavaggio capelli frequente, utilizza per i restanti giorni lo shampoo tradizionale che usi solitamente.

Shampoo blu e shampoo viola sono la stessa cosa?

No. La risposta, come ti abbiamo accennato prima, arriva direttamente dalla ruota dei colori: se il blu è complementare all'arancione, il viola lo è del giallo. Ecco perché lo shampoo viola è indicato per tutte le nuance di biondo e fredde (come per esempio il silver) che sono soggette all'ingiallimento: non è un caso che venga anche detto shampoo viola antigiallo. Al contrario lo shampoo blu, contrastando l'effetto ottone, è apposito per tutte le tinte castane e scure e viene detto anche shampoo blu antiarancio.

Shampoo blu su Amazon per capelli castani sani e brillanti

Per prenderti cura dei tuoi capelli al meglio, leggi anche 👇

Ti è piaciuto l'articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere gli articoli di Cosmopolitan direttamente nella tua mail.

ISCRIVITI QUI