Elena Di Cioccio una vita d'arte tra musica, piccolo schermo, cinema e teatro

Di
·6 minuto per la lettura
Photo credit: Stefania M. D'Alessandro - Getty Images
Photo credit: Stefania M. D'Alessandro - Getty Images

Essere figli (o figlie) d’arte molto spesso può essere un peso e un fardello molto pesante, poiché le aspettative e la pressione che vengono dal pubblico sono molto forti. Questo sembra non valere per Elena Di Cioccio, figlia del frontman della storica band Premiata Forneria Marconi (PFM) Franz Di Cioccio. Elena fin da giovane si mette in mostra per tutto il suo talento artistico non facendo pesare affatto l'importante cognome che porta né la responsabilità di essere la figlia di uno dei più grandi artisti della musica italiana: anzi, nell’arco della sua carriera Elena Di Cioccio si è cimentata in praticamente tutti gli ambiti dello spettacolo, dalla musica al piccolo schermo, sia come attrice di film e fiction che come inviata del celebre programma Le Iene su Mediaset, fino alla conduzione del programma incentrato sul sesso La Mala Educaxxxion in onda in seconda serata su La7.

La spiritualità di Elena Di Cioccio e il suo tifo sfrenato per…

Elena Di Cioccio (Elena Maria Ida è il nome completo) nasce a Milano il 16 settembre del 1974 sotto il segno della Vergine, è alta 172 cm e durante la sua partecipazione a Celebrity MasterChef ha dichiarato di essere vegetariana (nonché golosissima di pasta). Attualmente vive nella casa di famiglia lasciatale in eredità dalla nonna ad Appiano Gentile, in provincia di Como, ed è una tifosa sfegatata del Milan. Pratica una intensa vita spirituale, è buddhista ed è una patita di yoga, del quale è pure diventata insegnante. Sulla sua vita sentimentale non si sa molto, Elena infatti non parla molto della sua sfera privata nelle dichiarazioni pubbliche e tantomeno sui suoi account social. Al momento sembrerebbe single, e di certo c’è che in passato ha avuto un’intensa relazione con l’attore Pietro Sermonti.

Photo credit: Morena Brengola - Getty Images
Photo credit: Morena Brengola - Getty Images

Elena Di Cioccio: artista a 360 gradi dalla musica a Le Iene

La carriera artistica di Elena è costellata da una moltitudine di progetti e partecipazioni in ogni campo del mondo dello spettacolo: possiamo definire a ben ragione Elena di Cioccio un’artista a 360 gradi visto che si è cimentata, tra l’altro sempre con ottimi risultati, nell’arte del canto e della recitazione (tv, teatro e cinema), della conduzione di programmi tv fino a diventare una “iena” celebre per i suoi servizi sempre spettacolari e su tematiche delicatissime. Con un papà come Franz Di Cioccio, frontman, cantante e batterista di una delle più grandi band rock progressive della storia della musica italiana, la prima forma d’arte di cui Elena si innamora e cimenta non può che essere la musica… Sulle orme del padre la giovanissima Elena si esibisce nei locali milanesi a suon di rock’n roll: canta in svariate gruppi, tra cui una cover band dei Kiss, la sua vera passione. In questi primi anni la musica sembra davvero essere la strada per la ragazza, che di giorno lavora come organizzatrice di eventi musicali e la sera prende in mano il microfono.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Il debutto in video di Elena Di Cioccio

Dopo aver conseguito il diploma in lingue, tra un concerto e l’altro, Elena Di Cioccio decide di cimentarsi in un’altra arte come quella della recitazione, che studia per tre anni al CTA di Milano senza tuttavia mai abbandonare il suo primo amore, il canto. La voglia di studiare e migliorarsi sempre sono una costante della carriera di Elena: diventa allieva dell’Actor Studio di Susan Batson a New York dove segue i corsi della “coach” Doris Hicks, poi torna in Italia e, nel 2001, inizia la carriera radiofonica presso la radio libera Radio Lupo Solitario, emittente varesotta che trasmette rock, punk e ska 24/7. Finita la gavetta, Elena riesce a strappare il primo contratto diventando speaker di Radio Parma, Radio Milano Uno e Radio Roma Uno. La bravura, il talento davanti ad un microfono e la grande conoscenza in ambito musicale di Elena non passano inosservate tanto che nel 2005 Anna Pettinelli la vuole con sé a RDS. La sua esperienza radiofonica prosegue nel 2009 alla corte di Linus, a radio Deejay, e poi a Radio 2 che, per ora, rappresenta la sua ultima emittente. Nel frattempo, nel 2004 porta la sua passione per la musica anche in televisione grazie all’emittente televisiva All Music, che le affida la conduzione del programma tutto in salsa rock I Love Rock’n Roll grazie al quale Elena Di Cioccio intervista alcune tra le leggende del genere.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Il treno della notorietà è ormai partito e di lì a poco la sua carriera prende una svolta decisiva. Nel 2007 Davide Parenti ha l’intuizione di portarla a Le Iene, dove realizza una serie di reportage su tematiche molto delicate come la prostituzione e la violenza sulle donne: famosi, in particolare, quello in cui Elena si veste da “letterina” di Passaparola e viene scambiata per una prostituta sulla Salaria a Roma e quello sul tassista maniaco. Nel repertorio da iena di Elena troviamo comunque anche servizi che strappano una risata, come quello sul “pacco” del celebre ex calciatore David Beckham o il servizio in cui diventa la “moglie” di Valentino Rossi.

Elena Di Cioccio: da Mediaset a La7 passando per… Rocco Siffredi

Conclusa la sua esperienza in Mediaset, Elena passa a mamma Rai dove per un breve periodo ritorna agli albori e riprende a parlare di musica nel programma in onda il sabato pomeriggio su Rai 2 Scalo76. Dopo questa breve parentesi con un tuffo nel passato, Elena nel 2008 si sposta alla conduzione, sempre su Rai 2, del programma dedicato al mondo del cinema Stracult, in onda in seconda serata. In una puntata con ospite Rocco Siffredi, del quale Elena è una fan come da lei stessa dichiarato, la Di Cioccio si è resa protagonista di una gag con la complicità del porno attore e ha fatto credere di aver avuto un passato da porno attrice: durante il programma la conduttrice ha mandato in onda una clip del film a luci rosse di Rocco Siffredi Dica 69 del 1991, dove si vede anche Elena che con un gioco di inquadrature sostituisce la vera protagonista, l’attrice Hellen Kiss, e reinterpreta una scena (naturalmente non vietata ai minori, la puoi vedere qui sotto). Uno scherzo talmente ben riuscito nell’epoca pre-deepfake che, per tantissimo tempo, in molti hanno creduto che Elena avesse fatto un film porno con Rocco Siffredi: non che ci sarebbe stato qualcosa di male, sia chiaro...

Restando in ambito “piccante”, Elena Di Cioccio dal 2011 al 2014 conduce su La7 il talk La Mala Educaxxxion, dove vengono affrontati senza tabù e peli sulla lingua tutte le sfaccettature del sesso con interventi dal pubblico e ospiti in studio. In quegli stessi anni, grazie anche ai suoi grandi studi nel campo della recitazione, Elena partecipa a svariate produzioni per il piccolo e grande schermo. Nel 2011 recita con Pierfrancesco Favino e Carolina Crescentini nella pellicola L’Industriale, poi nel 2013 entra, insieme a Elio Germano e Alessandra Mastronardi, nel cast del film L’ultima ruota del carro diretto dal grande Giovanni Veronesi. Dal 2015 al 2017 interpreta Roberta Cruciani nella fiction Mediaset Squadra Mobile; mentre, più recentemente, ricordiamo la sua partecipazione a Celebrity MasterChef dove si è classificata quinta.

Photo credit: Ernesto Ruscio - Getty Images
Photo credit: Ernesto Ruscio - Getty Images