Elezioni regionali in Basilicata: vittoria al centrodestra con Vito Bardi

ANSA

Il centrodestra conquista la vittoria anche in Basilicata. Con circa il 75% delle sezioni scrutinate (504 su 681), il candidato governatore della Basilicata per il centrodestra Vito Bardi è in testa con il 42,47%. Seguono Carlo Trerotola del centrosinistra al 32,99%, Antonio Mattia del Movimento 5 stelle con il 20,37% e Valerio Tramutoli di Basilicata possibile al 4,17%. M5s primo partito con il 20,31%, seguito dalla Lega con il 19,29. Il Partito democratico si ferma all'8,28%.

Vito Bardi commenta così la vittoria: "La Basilicata ha risposto presente. Abbiamo scritto la storia, la regione è pronta per il cambiamento. Nella mia agenda al primo posto c'è il lavoro. Dopo tanti anni di governo di centrosinistra, il centrodestra ha scelto la via del riscatto di questa terra. Sono emozionato come lucano - dice ancora - onorato come uomo delle istituzioni". Conclude Bardi: "Chiamerò subito Berlusconi, Salvini e Meloni per una grande festa e soprattutto li ringrazio per avere determinato un quadro politico diverso, alla volta del cambiamento".

Come già in Molise, Abruzzo e Sardegna, la coalizione della Lega con Forza Italia e Fratelli d'Italia funziona a livello amministrativo, nonostante i partner siano divisi dal governo a Roma.

Esperienza quest'ultima che sembra pesare sul M5S, che registra, sul parziale, il 20% circa, meno della metà delle politiche di un anno fa (44%), ma resta comunque primo partito in Basilicata.

Dal voto lucano sembra uscire così così il Pd, sotto il 9%, non spinto più di tanto dall'effetto Nicola Zingaretti, due volte nell'ultima settimana in regione. Assieme alla lista Avanti Basilicata (oltre 10%) dell'ex presidente dem Marcello Pittella si arriva quasi al 20%. L'affluenza è del 53,58%, 6 punti in più del 47,60% del 2013 (quando si votava in due giorni).

L'affermazione dell'ex generale della Finanza Bardi (candidato indicato da Forza Italia), se confermata dai dati definitivi, avrebbe carattere 'storico': l'ex Casa delle...

Continua a leggere su HuffPost