Elliot Page: «Un film mi ha cambiato la vita»

·1 minuto per la lettura

Elliot Page ha scoperto il suo orientamento sessuale nei primi anni Duemila, grazie al film «Gonne al bivio».

L’attore è stato premiato con l’Achievement Award in occasione del festival LGBTQ Outfest, dove ha pronunciato un emozionante discorso di accettazione.

Durante lo speech, Elliot ha ringraziato il festival per aver fornito un «incalcolabile cambiamento positivo e una trasformazione in questo mondo», enfatizzando l’importanza di creare spazi in cui le voci delle persone emarginate possano essere ascoltate.

«Non so se ce l'avrei fatta a superare i momenti di isolamento, solitudine, vergogna e odio verso me stesso che erano così estremi, potenti e totalizzanti. A malapena riuscivo a vedere il mondo esterno», ha dichiarato.

Il 34enne ha poi ricordato l’impatto avuto su di lui dalla visione del film di Jamie Babbit, datato 1999.

«Gonne al bivio», con Natasha Lyonne e Clea DuVall, racconta la storia di una ragazza adolescente, costretta a seguire una terapia di conversione a causa della sua attrazione per il sesso femminile.

«E poi, a 15 anni, mentre stai facendo zapping ti imbatti in "Gonne al bivio" e i dialoghi di quel film trasformano la tua vita. Credo che non parliamo abbastanza di quanto sia importante la rappresentazione, di quante vite possa salvare e di quanti futuri permetta», ha sottolineato.

Elliot, conosciuta precedentemente come Ellen Page, ha dichiarato di essere transessuale lo scorso dicembre.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli