Emicrania oftalmica: cause, sintomi e terapia

emicrania oftalmica

L’emicrania oftalmica può causare la riduzione o la perdita della vista in uno degli occhi per un breve periodo, che in genere si risolve entro un’ora. Anche se il termine ”emicrania” è associato a questo disturbo, si può presentare anche senza dolore alla testa.

Si tratta di un problema raro e alcuni studi suggeriscono che i sintomi sono da attribuire ad altri problemi.

Gli attacchi regolari di emicrania oftalmica possono comunque causare problemi di vista in modo permanente e in genere, può escludere condizioni che presentano sintomi simili.

Emicrania oftalmica: sintomi

Se ti rivolgi al tuo medico, potresti sentirla nominare in diversi modi: emicrania visiva, oculare, retinica, ecc. I sintomi che si presentano sono comunque gli stessi:

. Riduzione o perdita temporanea della vista in un solo occhio. Si presenta inizialmente con una visione appannata solo in un occhio ma che può aggravarsi fino a perdere la vista completamente, per un periodo limitato che dura in media 30 minuti e fino a un’ora. Può risultare difficile stabilire se il disturbo è effettivamente in un solo occhio a causa dei sintomi che, a volte, sembrano colpirli entrambi. Per sicurezza, puoi coprire gli occhi uno alla volta e verificare quale sia quello colpito;
. Mal di testa costante che perdura da 4 fino a 72 ore che tendenzialmente colpisce un solo lato della testa con un dolore da moderato a molto doloroso, con parte interessata che pulsa e che peggiora facendo determinati movimenti col capo. Altri sintomi possono essere nausea, vomito e sensibilità alla luce o ai suoni.

Le cause

Gli esperti non sono sicuri sul dire da cosa sia causata l’emicrania oftalmica. Alcuni attribuiscono il problema a spasmi dei vai sanguigni che irrorano la retina, ossia il rivestimento della parte posteriore dell’occhio, oppure cambiamenti che, attraverso le cellule nervose, si diffondono nella retina.

Raramente, le persone affette da questo tipo di problema possono, col passare del tempo, riportare danni permanenti alla vista nell’occhio colpito. Gli esperti non sono sicuri sull’efficacia dei farmaci come antidepressivi, usati per prevenire l’emicrania, sul dare aiuto nel prevenire la perdita della vista.

Se sei affetto da questo problema, è bene consultare al più presto il tuo medico descrivendogli i sintomi.

Come viene diagnosticata

Durante la visita, il medico, dopo aver raccolto le informazioni sui sintomi, fa una visita agli occhi, cercando di escludere altre condizione che potrebbero essere la causa del problema, come l’Amaurosi Fugax, ossia la cecità temporanea dovuta alla mancanza di afflusso di sangue all’occhio, spasmi delle arterie che portano il sangue alla retina, infiammazioni dei vasi sanguigni che possono essere causa di problemi alla vista e cecità, problemi di coagulazione del sangue, uso di droghe ed eventuali altri problemi.

Qual è il trattamento per curarla

I sintomi dell’emicrania oftalmica solitamente scompaiono senza alcun intervento entro 30 minuti e comunque un tempo massimo di un’ora circa. Gran parte delle persone che ha già avuto esperienza con questo problema, sa della sua temporaneità e non richiede cure mediche.

In ogni caso, quando vieni colpito da questo problema, è bene interrompere l’attività che si sta compiendo e lasciare riposare gli occhi fino a che il problema non si risolve. Per il mal di testa, invece, è possibile curarlo come una normale emicrania, assumendo un antidolorifico dietro suggerimento del tuo medico.

In caso di perdita totale temporanea della vista in un solo occhio, la condizione potrebbe essere grave e non necessariamente correlata all’emicrania. In questo caso, la tempestiva consultazione del tuo medico potrebbe scongiurare l’insorgere di problemi ancora più gravi. In alternativa, puoi presentarti al pronto soccorso, dove ricevere le dovute visite e cure mediche.

Purtroppo esistono poche ricerche sui modi migliori per trattare l’emicrania oftalmica e in genere, si basano tutti sull’impiego di farmaci antiepilettici, antidepressivi e per il controllo della pressione sanguigna.