In Emilia Romagna la più votata è Elly Schlein: capolista di "Coraggiosa", batte anche i big Pd

HuffPost
Elly Schlein

C’è chi la chiama “miss preferenze e lei si dice “felice e commossa” per il risultato raggiunto. Elly Schlein - 35 anni, ex europarlamentare del Pd, poi fondatrice di Possibile e infine capolista di “Emilia Romagna coraggiosa - è stata la più votata alle elezioni di ieri, 26 gennaio. Ha ottenuto 22.098 preferenze in regione: nello specifico 15.975 a Bologna, 3.896 a Reggio Emilia, 2.227 a Ferrara, come ha precisato lei stessa su Twitter.

A Bologna, da sola, ha preso più preferenze  dei big del Pd. Un elettore su due che ha votato la sua lista - che in totale ha raggiunto il 3,77% - ha scritto il suo nome sulla scheda. “Un risultato che mi onora e mi commuove e che riconosce i cinque anni di lavoro fatti all’europarlamento”, ha detto lei.

Pochi giorni prima delle elezioni, ha fatto il giro del web la domanda (senza risposte) che ha fatto a Salvini: “Finalmente, dopo due anni che faccio la stessa domanda a Salvini e alla Lega senza avere risposta, ieri sera l’ho incrociato a San Giovanni in Persiceto e gliel’ho fatta in faccia. Perché a Bruxelles non siete mai venuti a nessuna delle 22 riunioni di negoziato sulla riforma migratoria più importante per l’Italia? Giudicate voi la risposta” scrive lei. Lui l’ha chiamata “amica mia”. Dopo l’attesa, nessuna risposta.

 

Ma chi è Elly Schlein? Dopo l’esperienza di ‘OccupyPd’, nata per protestare contro i 101 che affossarono l’elezione di Prodi al Quirinale, nel 2014 fu candidata alle Europee e, un po’ a sorpresa, vinse. Uscita insieme a Pippo Civati per fondare Possibile, negli ultimi mesi si è allontanata e non si è ricandidata alle Europee.

Insieme a Igor Taruffi di Sinistra Italiana, ha dato vita al rassemblement Emilia-Romagna Coraggiosa, con l’obiettivo di raccogliere tutte le forze di sinistra che sostenevano Bonaccini.

Nata in Svizzera da madre italiana e padre americano, ha scelto Bologna come casa. “Siamo riusciti - ha detto - nel tentativo di aggiungere a...

Continua a leggere su HuffPost