Emorragia post-partum: quando preoccuparsi

·3 minuto per la lettura
Emorragia post-parto tardiva
Emorragia post-parto tardiva

L’emorragia post-parto è un fenomeno ben distinto da non sottovalutare. Tutte le nuove mamme hanno un po’ di sanguinamento post-parto vaginale, perché l’utero si libera del suo spesso rivestimento di tessuto della gravidanza. Questo tipo di sanguinamento e scarico è chiamato lochia. All’inizio è normalmente rosso vivo, ma dovrebbe diventare progressivamente più leggero – in colore e quantità – nei primi giorni. Tuttavia, alcune donne sanguinano così tanto dopo il parto che è necessario un trattamento. Questo sanguinamento eccessivo è chiamato emorragia post-partum (PPE).

L’emorragia abbondante che si verifica entro le prime 24 ore è considerata un’emorragia post-partum primaria. Circa l’1% delle donne postpartum sviluppano gravi emorragie tra le 24 ore e le 12 settimane dopo il parto. Questa è chiamata un’emorragia postpartum tardiva (conosciuta anche come un’emorragia postpartum ritardata o secondaria). Le emorragie post-partum tardive si verificano in genere da una a due settimane dopo il parto.

Chiama il tuo medico se hai un’emorragia rosso vivo che dura più di qualche giorno dopo il parto, perché ciò potrebbe indicare un problema. Chiama subito anche se hai un’emorragia che sporca più di un assorbente in un’ora, o se hai coaguli di sangue più grandi di una palla da golf.

Nota: Chiama il 118 se stai sanguinando abbondantemente e hai qualsiasi segno di shock, tra cui:

  • Vertigini

  • Debolezza

  • Battito cardiaco rapido o palpitazioni

  • Respirazione rapida o superficiale

  • Pelle umida

  • Irrequietezza

  • Confusione

Cosa causa l’emorragia post-parto tardiva?

Un’emorragia post-parto tardiva può verificarsi se il tuo utero non si contrae normalmente dopo il parto. A volte questo accade quando frammenti della placenta, o del sacco amniotico, rimangono nell’utero dopo il parto. Anche un’infezione può causare una PPE tardiva. Puoi essere più a rischio di un’emorragia post-partum se hai un disturbo sistemico della coagulazione del sangue.

Questa può essere una condizione ereditata o che si sviluppa durante la gravidanza da complicazioni come una grave preeclampsia, la sindrome HELLP o un distacco della placenta. Un’emorragia può anche causare problemi di coagulazione, portando a un’emorragia ancora più pesante.

A volte, tuttavia, la causa è sconosciuta.

Emorragia post-parto tardiva mamme
Emorragia post-parto tardiva mamme

Qual è il trattamento per l’emorragia post-parto tardiva?

Se l’emorragia post-parto diventa pericolosa per la vita, sarai ricoverata in ospedale fino a quando tutto non sarà sotto controllo e le tue condizioni saranno stabili. Per prima cosa il tuo medico ti farà un esame fisico e inizierà una flebo per darti fluidi e farmaci per aiutare il tuo utero a contrarsi. Potresti prendere degli antibiotici se sospetta che la causa sia un’infezione. Farai anche un’ecografia per controllare se ci sono pezzi di tessuto placentare rimasti nel tuo utero. Se rimangono frammenti, potrebbe essere necessario sottoporsi a una procedura chirurgica chiamata dilatazione e curettage, o D&C, per rimuoverli.

Il tuo medico potrebbe posizionare un piccolo “palloncino” nel tuo utero. Questo crea una pressione contro le pareti dell’utero per comprimere i vasi sanguigni e favorire la coagulazione del sangue. Di solito viene lasciato dentro durante la notte, insieme a un catetere per mantenere la vescica drenata. In alcuni casi (come se l’emorragia non si ferma o i tuoi segni vitali non sono stabili), avrai bisogno di una trasfusione di sangue. Raramente, è necessaria una chirurgia addominale o un’isterectomia per fermare l’emorragia.

Dopo che l’emorragia è controllata, continuerai a ricevere fluidi e farmaci per via endovenosa (di solito per altre 24 ore) per aiutare il tuo utero a rimanere contratto. Il team medico monitorerà il tuo recupero da vicino per assicurarsi che il sanguinamento pesante non riprenda, e per osservare eventuali segni di infezione. Potresti anche continuare a prendere antibiotici.

Com’è il recupero?

All’inizio potresti sentirti debole e stordita, quindi non cercare di alzarti dal letto da sola mentre sei ancora in ospedale. Quando torni a casa è importante riposare molto, bere abbastanza liquidi per rimanere idratata e mangiare cibi nutrienti.

Oltre alle vitamine prenatali con acido folico, è probabile che il tuo medico ti prescriva un supplemento di ferro per prevenire o trattare l’anemia causata dall’eccessiva perdita di sangue.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli