Enrico Mentana pubblica la sua prima busta paga ed è tuffo nella storia (del giornalismo)

Di Elena Fausta Gadeschi
·2 minuto per la lettura
Photo credit: Stefania D'Alessandro - Getty Images
Photo credit: Stefania D'Alessandro - Getty Images

From ELLE

Sono lontani i tempi in cui Gilberto Mazzi nel 1939 cantava “Se potessi avere mille lire al mese, senza esagerare, sarei certo di trovare tutta la felicità”. Non occorre però andare così indietro per renderci conto di quanto sia cambiato il valore della nostra moneta negli ultimi decenni. A ricordarcelo ci pensa Enrico Mentana, volto noto della televisione italiana nonché anchorman del Tg La7, che sul suo profilo Instagram ha pubblicato il cedolino della sua prima busta paga come giornalista della Rai. Dal documento, datato 24 aprile 1980, risulta che il giovane cronista, all’epoca venticinquenne, percepì la cifra netta di 49.000 lire. Uno stipendio che a prima vista può sembrare considerevole, ma che in realtà era ben modesto già per l’epoca e che oggi farebbe impallidire qualsiasi sindacato.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Secondo il Contratto collettivo nazionale del lavoro nel 1980 un operaio guadagnava 352.000 lire al mese, mentre un medico neolaureato circa 800.000 lire. Una forbice notevole che però ci aiuta a capire, facendo le dovute proporzioni, come 49.000 lire per l’epoca fossero cifra assai misera. Mentana d’altra parte era giovanissimo e di gavetta gliene sarebbe toccata tanta, nonostante fosse figlio primogenito del giornalista sportivo Franco Mentana. Anche se possiamo ben immaginare che per un ragazzo con la bruciante passione per il giornalismo qualsiasi cifra – oggi come allora – sarebbe andata bene pur di lavorare per la Rai.

Se dovessimo fare però la conversione in euro, a quanto corrisponderebbero quelle 49.000 lire? Tenendo fede alla tabella di conversione dell’Istat riportata da IlSole24Ore e calcolando inflazioni, svalutazioni, rivalutazioni e cambio di moneta pare che lo stipendio di Mentana oggi, senza il dovuto adeguamento al costo della vita, si aggirerebbe attorno ai 120 euro! Una cifra davvero incredibile, ma in linea con il crollo della nostra moneta, il cui valore si è ridotto di ben 8.514 volte dal 1861 al 2008. Questo significa che 1 lira di circa 150 anni fa varrebbe 8.514 lire, ossia 4,40 euro, peccato però che all'epoca 8.000 lire assicurassero una vita agiata a un'intera famiglia, mentre oggi con meno di 5 euro non saremmo nemmeno sicuri di riuscire a pagare un panino e una bottiglietta d’acqua. Sono proprio cambiati i tempi!