“Era un copione": parla Emily Angelillo l’insegnante del tutorial "spesa sui tacchi" di Detto Fatto

Adalgisa Marrocco
·Contributor HuffPost Italia
·2 minuto per la lettura
Emily Angelillo (Photo: detto fatto)
Emily Angelillo (Photo: detto fatto)

“Era un copione”: a parlare a Fanpage è Emily Angelillo, protagonista del tutorial su “come fare la spesa in modo seducente sui tacchi”, andato in onda martedì 24 novembre durante la trasmissione Detto Fatto su Rai2. La ballerina e insegnante di pole dance ha detto la sua all’indomani delle polemiche sui social e nel mondo politico scatenate dal contenuto trasmesso dal programma pomeridiano. Nelle scorse ore, anche i vertici Rai hanno preso le distanze dal tutorial.

Su Fanpage Emily Angelillo ha definito la giornata di ieri “la più triste della sua vita”, proseguendo:

“Voleva essere una risata in un momento difficile. Da tutto ciò si è scaturito un polverone, la cosa più brutta è proprio stata come è venuta fuori la mia persona”.

La ballerina e insegnante di pole dance prosegue affermando di essere estranea all’ideazione del tutorial:

“Io dovevo insegnare a questa ragazza a camminare sui tacchi, mi hanno dato questo spazio e alla fine mi hanno detto questa cosa del supermercato, ma allora perché non mettiamo i tacchi anche al supermercato? [...] Sul loro copione e su come hanno dato il taglio alla cosa non voglio esprimermi perché io non l’ho visto in questo modo”.

E sulle accuse di sessismo arrivate dai social, Angelillo afferma:

“Vivo per le donne, per l’emancipazione, quando mi hanno scritto ‘benvenuti nel 1950′, ho pensato ‘ma non lo avete visto il contesto?’ Non volevo assolutamente offendere le donne. Un lavoro di una vita ed essere poi additati per una cosa del genere. Oggi sono stata violentata dalle donne”.

Dopo le polemiche a parlare è stata anche Bianca Guaccero, conduttrice di “Detto Fatto” che su Instagram ha scritto: “Sono una donna, una mamma single, che combatte ogni giorno per ciò in cui crede. Soprattutto nella difesa d...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.