Esistono persone che hanno avuto i due virus contemporaneamente

·2 minuto per la lettura
Covid
Covid

Questo è il primo inverno in compagnia del Covid-19 e la preoccupazione cresce. Ci sono, però, dei punti di grande ottimismo, come il calo dei tassi di mortalità, i risultati dei vaccini e le strategie terapeutiche più efficaci. Durante l’inverno, però, arrivano anche le influenze normali ed è spontaneo chiedersi se è possibile prendersi l’influenza e il Covid nello stesso tempo.

Covid e influenza

Esiste sicuramente un caso confermato di infezione influenza-Covid, nella Bay Area, in California, ma pare non sia l’unico. Il Solano County Department of Health and Sociale Services ha annunciato che c’è stato un caso di una persona che ha sofferto di influenza e contemporaneamente di Coronavirus. Il paziente è guarito completamente. Esistono molti altri casi di co-infezione. Le prime notizie sono apparse in una prestampa di Lancet del 25 marzo, che si riferiva a nove pazienti su 1.054 di Wuhan che erano risultati positivi sia al Covid che all’influenza. Da quel momento ci sono stati 83 rapporti pubblicati in tutto il mondo di pazienti che hanno contratto entrambi i virus. I ricercatori hanno scoperto che l’infezione da influenza non allieva e non aggrava le conseguenze del Covid. Il numero di questi pazienti è ancora basso, ma con l’inverno in arrivo è importante sapere che è una cosa possibile.

L’influenza è in grado di ricombinarsi prendendo caratteristiche aggiuntive da altri virus influenzali e questo può anche provocare una trasmissione da animale a uomo, come è accaduto con la suina. Il Coronavirus è diverso dai virus influenzali e questo potenziale di ricombinazione è inesistente. Esiste però il pericolo di un sovraccarico per il sistema immunitario dovuto alla co-infezione di questi due virus. Per questo è importante il vaccino influenzale, che può ridurre la possibilità di co-infezioni influenza-Covid nelle persone e ridurre la quantità di ospedalizzazioni. Le reazioni delle persone a questa doppia infezione non sono ancora abbastanza conosciute, anche se il paziente in California si è rimesso completamente.