Fabrizio Corona alla Milano Fashion Week: modello per Sophia Nubes

·2 minuto per la lettura
fabrizio corona milano fashion week
fabrizio corona milano fashion week

Fabrizio Corona è tornato alla Milano Fashion Week come modello di Sophia Nubes. Sguardo fiero, look impeccabile e sorrisi dispensati con il contagocce. L’ex re dei paparazzi, accompagnato dal figlio Carlos Maria, ha ammesso che dentro di sé ha ancora tanta “cattiveria“.

Fabrizio Corona alla Milano Fashion Week

Di sbagli ne ha fatti tanti, tantissimi, ma Fabrizio Corona l’ha pagati tutti sulla sua pelle. Caratterialmente o come personaggio può anche non piacere, ma dobbiamo riconoscergli la capacità di rialzarsi, sempre e comunque. La sua presenza alla Milano Fashion Week, nonostante gli arresti domiciliari, ne è la prova. Con cinquanta candeline sul groppone e anni trascorsi in carcere, Fabrizio ha sfilato in passerella come un ragazzo di vent’anni. Sguardo fiero ma arrabbiato, prestanza fisica e classe innegabile. Presuntuso, dirà qualcuno, il solito egocentrico esclamerà qualcun altro, ma, come sottolinea lui stesso, “50 anni, 6 anni di galera, 5 mesi di comunità e da 2 anni in detenzione domiciliare. Provaci tu“.

Fabrizio Corona, Milano Fashion Week: modello per Sophia Nubes

Alla Milano Fashion Week 2021 Fabrizio è tornato a vestire i panni di modello. Lo ha fatto per il marchio Sophia Nubes, che ha lanciato a Palazzo Turati la nuova collezione maschile. Accanto a Corona, il figlio Carlos Maria, che, per l’occasione, ha sfoggiato un completo classico gessato. Il ragazzo, che si è appena iscritto alla facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università Cattolica, ha dichiarato che il suo primo pensiero è lo studio, ma che non disdegna la moda.

Fabrizio, con una camicia con la scritta “We are ahed”, ovvero “Noi siamo avanti“, ha sfoggiato un comleto blu con giacca sbottonata prima e uno nero nero con pantalone a vita alta e blazer crop poi. Nel backstage, Corona non si è sottratto ai microfoni dei giornalisti: “Non sfilavo da 5 anni, faccio un altro mestiere, ma quando ci sono contenuti che mi piacciono…“.

Fabrizio Corona alla Milano Fashion Week: le parole

Ho una cattiveria dentro che mi fa vivere male. Sono sempre molto arrabbiato, ma nonostante tutto riesco a portare il mondo dentro casa mia“, ha dichiarato Fabrizio riferendosi alla detenzione domiciliare. Così come fatto quando era in carcere, anche adesso che è ai domiciliari, Corona continua a lavorare. “Il lavoro è una malattia, la mia malattia“, ha confessato sui social.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli