Fabrizio Miccoli condannato a 3 anni e 6 mesi di carcere

Fabrizio Miccoli (Photo by Arfa Griffiths/West Ham United FC via Getty Images)

Fabrizio Miccoli è stato condannato in appello a 3 anni e 6 mesi per estorsione aggravata dal metodo mafioso. La sentenza pronunciata dalla prima sezione penale della Corte di appello di Palermo, presieduta da Massimo Corleo, conferma quella di primo grado.

L’accusa

L'ex attaccante di Juventus, Fiorentina, Palermo e Lecce, è accusato di aver chiesto a Mauro Lauricella, figlio di Nino un mafioso del quartiere Kalsa, di chiedere la restituzione di 20mila euro all'imprenditore Andrea Graffagnini per conto del suo amico Giorgio Gasparini. I soldi erano frutto della cessione della discoteca Paparazzi di Isola delle Femmine.

LEGGI ANCHE: Calcioscommesse, scatta la prescrizione per Doni e Mauri

La difesa

Gianpiero Orsino, uno degli avvocati di Miccoli, annuncia ricorso: “Questo procedimento è iniziato in primo grado quando c'era già una richiesta di archiviazione da parte della Procura che è stata rigettata. Imputazione coatta, quindi. Oggi abbiamo una persona assolutamente estranea per fatti tanto gravi che non lo possono riguardare. Anche un profano, leggendo le carte, si accorgerebbe che non è come stabilito nella sentenza. Ci ritroviamo davanti a una condanna che non ha alcuna rispondenza con i fatti. La stessa procura in tempi non sospetti aveva deciso di non chiedere il processo perché non c'era alcuna ipotesi di reato su Miccoli".

Per l'altro legale, Giovanni Castronovo, Fabrizio Miccoli paga la frase offensiva pronunciata nei riguardi di Giovanni Falcone e registrata durante l'inchiesta dagli investigatori. "Faremo ricorso per Cassazione. Certi che almeno a Roma troveremo un giudice scevro da condizionamenti esterni che possa acclarare l'estraneità dell'ex capitano rosanero rispetto all'intera vicenda".

GUARDA ANCHE - Duro colpo alla mafia di Palermo, 25 arresti