Farmaci, Aifa sospende accesso a Fondo 5%

·2 minuto per la lettura

L'Agenzia italiana del farmaco ha sospeso "temporaneamente l'accesso al Fondo del 5% per i farmaci orfani per il trattamento di malattie rare e per farmaci che rappresentano una speranza di cura per particolari e gravi patologie". Lo comunica la stessa Aifa, in una nota, spiegando che "le risorse allocate annualmente in tale Fondo hanno avuto un decremento nel corso degli anni, tanto che lo stesso si è dimezzato passando da poco più di 20 milioni disponibili nel 2010 a circa 10,5 milioni nel 2021. A fronte di tale diminuzione, si è assistito nel corso del tempo ad un costante incremento delle richieste di accesso al Fondo e negli ultimi due anni i rimborsi autorizzati nei confronti delle strutture del Ssn hanno superato i 50 milioni di euro per anno".

Nel 2021, prosegue l'Aifa, "il numero di richieste (nuove e ripetizioni) è stato di circa 2.000 pazienti e, ad oggi, considerando le risorse economiche disponibili (residuo degli anni precedenti) e sottraendo le spese relative alle richieste già autorizzate, il saldo disponibile (rilevato a settembre 2021) è di poco superiore a 8,5 milioni (comprensivi delle risorse aggiuntive di competenza 2021)". Per questo si è reso "necessario sospendere temporaneamente le attività correnti di valutazione delle richieste di accesso al Fondo e avviare un profondo ripensamento e semplificazione/ottimizzazione del sistema, con un particolare sforzo volto a ridefinire le regole e i criteri da utilizzare", rimarca l'agenzia che il 10 novembre ha informato della sospensione tutti gli assessorati regionali alla Sanità.

Il Fondo, istituito nel 2003, è sostenuto da un contributo del 5% sulle spese promozionali delle aziende farmaceutiche, dedicato per il 50% al rimborso su base nominale di farmaci orfani per il trattamento di malattie rare o di farmaci che rappresentano una speranza di cura per particolari e gravi patologie.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli