Farmaci da non dare al bambino: quali sono

·5 minuto per la lettura
Farmaci che non dovresti assolutamente dare al tuo bambino
Farmaci che non dovresti assolutamente dare al tuo bambino

Esistono alcuni farmaci che non dovresti assolutamente dare al tuo bambino, essendo particolarmente pericolosi. Consulta sempre un medico prima di dare a tuo figlio qualsiasi medicinale, specialmente per la prima volta. I bambini piccoli hanno molte più probabilità degli adulti di avere reazioni avverse ai farmaci, quindi è un argomento molto serio.

Se tuo figlio vomita o sviluppa un’eruzione cutanea dopo aver preso un farmaco, chiama il suo medico.

Farmaci che non dovresti assolutamente dare al tuo bambino

Aspirina

Non dare mai al tuo bambino l’aspirina o qualsiasi farmaco contenente aspirina a meno che il suo pediatra non ti dia istruzioni in tal senso. L’aspirina può rendere un bambino suscettibile alla sindrome di Reye, una malattia rara ma potenzialmente fatale.

Non dare per scontato che le medicine per bambini che si trovano nelle farmacie siano senza aspirina. L’aspirina è talvolta elencata come “salicilato” o “acido acetilsalicilico”, quindi leggi attentamente le etichette e chiedi al medico o al farmacista se non sei sicura che un prodotto contenga aspirina.

Per la febbre e altri malesseri, chiedi al medico di tuo figlio di dargli acetaminofene o ibuprofene. A meno che il medico non ti chieda specificamente di farlo, non dare acetaminofene a un bambino più giovane di 3 mesi, e non dare ibuprofene a un bambino più giovane di 6 mesi.

Se il tuo bambino è disidratato o vomita o ha l’asma, parla con il pediatra prima di dare l’ibuprofene (parla anche con il tuo medico di un’alternativa all’acetaminofene se il tuo bambino ha una malattia del fegato).

Farmaci da banco per la tosse e il raffreddore

L’Accademia Americana di Pediatria dice che i farmaci da banco per la tosse e il raffreddore non dovrebbero essere dati ai bambini dai 3 anni in giù. Gli studi dimostrano che questi farmaci non alleviano effettivamente i sintomi nei bambini di questa età e possono essere dannosi. Soprattutto se un bambino prende erroneamente più della dose raccomandata.

Oltre alla sonnolenza o all’insonnia, al mal di stomaco e all’eruzione cutanea o all’orticaria, un bambino può soffrire di gravi effetti collaterali, come una rapida frequenza cardiaca, convulsioni e persino la morte. Ogni anno, migliaia di bambini in tutta la nazione finiscono al pronto soccorso dopo aver ingerito troppe medicine per la tosse e il raffreddore o aver avuto effetti collaterali.

Tuttavia, nel 2008 i produttori hanno smesso di commercializzare farmaci per la tosse e il raffreddore per i bambini più piccoli di 3 anni. Gli esperti di salute credono che questo sia il motivo per cui le visite di emergenza che coinvolgono gravi effetti collaterali nei neonati e nei bambini sono diminuite significativamente da allora.

Se il tuo bambino è infelice con un raffreddore, puoi provare a usare un umidificatore o altri rimedi domestici. Puoi anche chiedere al medico di tuo figlio delle idee per aiutarlo a sentirsi meglio.

Farmaci antinausea

Non dare a tuo figlio una prescrizione o un farmaco antinausea a meno che il suo medico non lo raccomandi specificamente. La maggior parte degli attacchi di vomito sono di breve durata e i bambini e i ragazzi di solito li gestiscono bene senza farmaci. Inoltre, i farmaci antinausea hanno rischi e possibili complicazioni. Se il bambino vomita e comincia a disidratarsi, contatta il suo medico per un consiglio su cosa fare.

Farmaci per adulti

Dare a tuo figlio una dose più piccola di un farmaco per adulti è pericoloso. Inoltre, alcune gocce per neonati sono più concentrate delle medicine per bambini più grandi, quindi fai attenzione a quanto ne dai al tuo bambino. Usa sempre il dispenser confezionato con la medicina, e se l’etichetta non elenca la dose che corrisponde all’età e al peso di tuo figlio, non dargli quella medicina.

Farmaci che non dovresti assolutamente dare al tuo bambino medicine
Farmaci che non dovresti assolutamente dare al tuo bambino medicine

Farmaci prescritti per un’altra persona o condizione

I farmaci prescritti per altre persone (come un fratello) o per curare altre malattie potrebbero non funzionare o addirittura essere pericolosi se dati a tuo figlio. Dagli solo medicine prescritte per lui e per la sua specifica condizione.

Tutto ciò che è scaduto

Butta via le medicine, sia quelle da prescrizione che quelle da banco, non appena scadono. Sbarazzati anche delle medicine scolorite o sbriciolate – in pratica tutto ciò che non ha l’aspetto che aveva quando l’hai comprato la prima volta. Dopo la data di scadenza, i farmaci possono non essere più efficaci e possono anche essere dannosi.

In generale, non è una buona idea buttare i vecchi farmaci nel gabinetto perché potrebbero contaminare le acque sotterranee e finire nella fornitura di acqua potabile. Tuttavia, alcuni farmaci sono così potenzialmente dannosi per i bambini e gli animali domestici che la Food and Drug Administration raccomanda di gettarli nel water piuttosto che metterli nella spazzatura.

Se non sei sicura di come gestire i tuoi farmaci indesiderati, chiedi al tuo farmacista.

Masticabili

Le compresse masticabili o altri tipi di medicine in forma di compresse sono un pericolo di soffocamento per i bambini e i più piccoli. Se il tuo bambino sta mangiando cibi solidi e vuoi usare una compressa, chiedi al medico di tuo figlio o al farmacista se va bene schiacciarla e metterla in un cucchiaio di cibo morbido, come yogurt o salsa di mele. Assicurati che mangi tutto il cucchiaio per ottenere la dose completa.

Sciroppo di ipecac

Non usare mai lo sciroppo di ipecac. Se tu o chi si prende cura del tuo bambino – come i nonni o altri parenti – avete dello sciroppo di ipecac in casa, smaltiscilo subito.

Lo sciroppo di ipecac provoca il vomito, e i genitori sono stati incoraggiati a tenerne un po’ a portata di mano in caso di avvelenamento. Tuttavia, i medici non raccomandano più lo sciroppo di ipecac perché non ci sono prove che il vomito aiuti a trattare l’avvelenamento. Vomitare dopo aver ingoiato del veleno può essere effettivamente dannoso.

Il modo migliore per prevenire l’avvelenamento accidentale è quello di tenere le sostanze potenzialmente nocive sotto chiave e fuori dalla vista.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli