Farnesina, entro l'anno 15 mln dosi vaccino a Paesi poveri

·2 minuto per la lettura

Sin dall'inizio della pandemia, l'Italia è stata fra i primi Paesi a sostenere l'importanza di un accesso equo e universale a vaccini, cure e test per Covid-19, sulla base di un principio di solidarietà internazionale secondo il quale nessuno sarà al sicuro fino a che non lo saranno tutti. Solo attraverso la cooperazione internazionale e il rafforzamento del sistema di salute globale, infatti, si potrà porre fine alla pandemia.

E' su queste basi che nel 2020 l'Italia ha dato vita, insieme ai suoi principali partner, ad Act (Access to Covid-19 Tools Accelerator) e alla Covax Facility al suo interno, di cui è fra i principali sostenitori con un contributo di 385 milioni di euro. Inoltre, in qualità di presidenza del G20, l'Italia è impegnata a porre al centro dell'agenda internazionale i temi della salute e della preparazione a fronte di nuovi potenziali rischi pandemici, come confermato in occasione del vertice sulla salute globale organizzato il 21 maggio scorso insieme alla Commissione europea.

Oltre al contributo finanziario, entro il 2021 l'Italia donerà 15 milioni di dosi di vaccino ai Paesi a medio e basso reddito, principalmente tramite Covax, si legge in una nota della Farnesina. Le donazioni sono iniziate ad agosto, con la destinazione dei primi lotti a Covax, che ne sta curando l'allocazione tramite Gavi, Oms e Unicef. Ad oggi sono state assegnate oltre 4 milioni di dosi donate dall'Italia. Uno dei primi Paesi a ricevere le dosi donate sarà il Vietnam, cui ne verranno consegnate 800mila tra pochi giorni. Si tratta di un importante gesto di amicizia e di solidarietà nei confronti di un partner strategico per l'Italia nel Sudest asiatico e nell'Asean. Fra gli altri Paesi che riceveranno a breve dosi donate dall'Italia, anche Albania, Indonesia, Iran, Iraq, Libano, Libia, Yemen.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli