Fertilità maschile: cosa far mangiare al proprio lui per migliorarla

fertilità maschile dieta

Purtroppo avere dei figli è sempre più difficile ed è una problematica comune a molte coppie. Le cause sono diverse e molteplici, ma in certi casi può essere un motivo di fertilità maschile. Secondo gli specialisti, esiste una correlazione tra fertilità e dieta: infatti, se si segue un’alimentazione più sana ed equilibrata, prediligendo un determinato tipo di alimenti, questa può migliorare. In altre parole, esisterebbe una vera e propria connessione tra carenze dietetiche e danno ossidativo negli spermatozoi. Cosa bisogna far mangiare al proprio lui per aumentare la fertilità maschile.

Fertilità vs infertilità: l’infertilità idiopatica

Come detto, molte possono essere le cause di una poca fertilità maschile, ma quando non può essere collegata a nessuna delle cause specifiche, si parla di infertilità idiopatica. Cosa significa? In poche parole, “senza causa”. Molti specialisti ritengono che ad influenzare negativamente questa mancanza di fertilità sia una scorretta alimentazione, poco curata e povera di alimenti antiossidanti. La biologa Giuseppina Paluso, responsabile del Laboratorio di Semiologia – Pma Azienda Ospedaliera di Cosenza afferma che:

Sarebbe proprio lo stress ossidativo a causare un abbassamento della qualità dello sperma.

In questi casi, si rischia anche di danneggiare la membrana degli spermatozoi, riducendone così la motilità e soprattutto di causare una frammentazione del DNA. Questo porterebbe ad una conseguenza molto grave perché uno spermatozoo con la doppia elica del DNA frammentata non può fecondare l’embrione. Ecco perché a tal proposito, è importante seguire una dieta sana ed equilibrata, ricca di vitamine e di alimenti antiossidanti. Solo in questo modo, è possibile aumentare e migliorare la fertilità.

La dieta per migliorare la fertilità maschile

Quindi, la domanda sorge spontanea: cosa far mangiare al proprio lui per migliorare la fertilità maschile? Secondo la dottoressa Paluso, in soli due o tre mesi di dieta la situazione può cambiare, migliorando la salute degli spermatozoi e aumentando le probabilità di fertilità.

Gli alimenti da prediligere sono:

  • legumi
  • verdure a foglia larga
  • cioccolato fondente
  • fragole
  • frutta
  • banane (soprattutto)
  • frutta secca (mandorle)
  • vitamina C.

Da evitare assolutamente:

  • cibi ricchi di grassi
  • alcool.

La dottoressa consiglia infine di praticare attività sportiva e di limitare il più possibile di condurre una vita sedentaria perché nemico assoluto della fertilità maschile.