Francesca Pascale: «Sono pronta a sbattezzarmi: questa chiesa mi ha delusa»

·1 minuto per la lettura

Francesca Pascale è pronta a sbattezzarsi.

A spingere l'ex compagna di Silvio Berlusconi verso una scelta così drastica è l'ingerenza del Vaticano sul Ddl Zan.

«Sono pronta a sbattezzarmi, resto credente ma una Chiesa che discrimina gli omosessuali e che fa ingerenza politica sul ddl Zan, mi ha deluso», dichiara Francesca Pascale a La Repubblica.

«Mi dà amarezza una politica che non si assume la responsabilità neppure davanti alle aggressioni verso gli omosessuali. Per me può e deve essere approvato (il Ddl Zan, ndr) così com'è, all'unanimità, senza distinzioni di partito. Come si possono avere colori politici sui diritti umani? Mi dispiace vedere lo scontro tra i partiti su un tema come l'omofobia: lo trovo degradante per la politica. E mi auguro, soprattutto se c'è un rinvio della discussione a settembre, che il ddl Zan non diventi motivo di campagna elettorale sulla pelle delle persone e alle spalle della comunità LGBT che aspetta una legge da decenni».

La Pascale è legata da tempo a Paola Turci, che nel giorno del suo compleanno, caduto il 15 luglio, ha postato sui social un breve ma diretto messaggio di auguri per l'ex miss Berlusconi, scrivendo: «Buon compleanno amore miooooo».

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli